Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Alois, provenienza: Italia

Titolo: Nobili - Conti
Araldica della famiglia: Alois
Corona nobiliare Alois
Antica ed assai nobile famiglia campana, di origine longobarda, la quale ha vissuto nobilmente, godendo del titolo comitale, in Capua, Caserta ed in Napoli, propagatasi, nel corso dei secoli, in diverse regioni d'Italia. La tradizione vuole che la famiglia discenda dal longobardo Aldelgisio, uomo insigne e sagace, che visse nella seconda metà del secolo IX, e al quale il monaco Erchemperto assegna il merito d'averlo indotto a scrivere la storia dei principi Beneventani. Numerosi documenti attestano via via questa discendenza e mostrano come gli Àdelgisii, mutando e rimutando la forma del loro cognome, si siano chiamati de Aloisio o de... Continua

Loysio, e in ultimo de Aloys o Alois. Inoltre, tal famiglia, nel dispiegarsi dei lustri, sempre è riuscita a produrre una serie di uomini che hanno reso illustre il suo nome, nei pubblici impieghi, nelle professioni liberali ed ecclesiastiche e nel servizio militare. Fra questi, senza nulla levar al valore degli omessi, contasi: Giambattista, cavaliere e gentiluomo di camera presso la Corte vicereale di Napoli nel 1531, il quale fu un abile guerriero, avendo seguito Camillo Colonna(+1558) nelle sue guerre tra feudatari; Gian Francesco (1515 circa – Napoli, 4 marzo 1564), celebre letterato e gentiluomo di corte, decapitato e bruciato per eresia dall'Inquisizione; Antonello, celebre giurista napoletano; Pietro, della Compagnia di Gesù, filosofo, teologo e poeta insigne; Scipione, capitano di fanteria, fiorente nel 1601. La famiglia è passata per giustizia, nel 1794, all'Ordine di Malta come quarto dell'ava materna del cavaliere Diego Alois e fu riconosciuta di avita nobiltà, nel 1847, dalla Regia Commissione dei titoli di nobiltà. La chiara nobiltà della casata risulta ulteriormente confermata dalla sua presenza nella pregevole opera "Il Dizionario storico-blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti", del genealogista Giovan Battista di Crollalanza, pubblicata a Pisa nel 1886 in tre volumi, di oltre 1400 pagine. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.


Compra un documento araldico su Alois

Stemma della famiglia: Alois

Stemma  della famiglia Alois

1 Blasone della famiglia Alois

Di ..., al leone rampante di ... impugnante con la zampa anteriore destra un giglio di ...

Blasone tratto dallo stemma gentilizio ai lati del portale dell'antico Palazzo Alois nella frazione Sommana di Caserta.

Stemma  della famiglia Alois

2 Blasone della famiglia Alois

Di ... (azzurro), al leone rampante di ... (oro o al naturale) impugnante con la zampa anteriore destra un giglio di ... (oro).

Ricostruzione con gli smalti e metalli più probabili dello stemma gentilizio ai lati del portale dell'antico Palazzo Alois nella frazione Sommana di Caserta.

Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome