Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Herkunft des Familiennamens Amodeo, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Baroni - Nobili
Nachname Variationen: Omodei - Amidei - Huomodei
Heraldik die Familie: Amodeo
Nachname Variationen: Omodei - Amidei - Huomodei
Krone des Adels Amodeo
Antica e nobile famiglia originaria di Trieste il cui blasone è menzionato nel "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. primo, pag. 41, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1890. Altro ramo. Nulla più di quanto, in una assai antica e preziosa pergamena araldica compare scritto di cotal famiglia può renderle lustro, ovvero: "Due volte have passato d'Italia in Sicilia la nobile famiglia A. detta nella nostra lingua Amodeo; la prima volta venne secondo Giovanni Tillio nel suo libro della guerra Guelfa, e Gibellina nel 1220.... Fortsetzung folgt
nel reggimento dell'Imperator Federico, sotto la guida di Corrado A., havendo prima dimorato tre anni in Milano col fratello Antonio che ivi il lasciò casato con Ursella Abbate, ed egli a soldo dell'Imperator Federico venne in Sicilia, e si maritò in Messina con Livia Papalèo nobile donzella. Scrive il predetto la cagion del suo passaggio della seguente guisa. Buondelmonte Buondelmonte nobile Fiorentino nel 1218. havea promesso torre per moglie Angioletta A. figlia di Giovanni nobile Cittadino, e Console, ma passeggiando un dì per la Città a cavallo fù chiamato da Lavinia Donati donna vedova ricchissima, e gli disse, ò bel giovane io mi rallegro della nuova sposa che hai preso, benche ella non sia degna della tua beltà, e mi dolgo c'havendoti questa mia figliuola per te serbata ne resto non puoco dolente. Quando il cavaliero vidde la fanciulla ch'era venuta giù con la madre parendogli che di rara bellezza fosse, e conoscendone la nobiltà, ne la dote di lei spregiare, dimenticato della fede ch'all'altra sposa havea data, tutto acceso d'amore, assai sarei io ingrato rispose se hanvendo voi guardata per me rifiutasse io cosa sì bella, e facendo alle parole seguire gl'effetti incontinenti ne fece le nozze, e la sposò. Non puoco gl'A. si risentirono di questa ingiuria, e pieni di soverchio sdegno tosto con gl'Uberti, e con altri loro parenti contrassero, e trattarono della vendetta, la quale fù fra puochi giorni esseguita con la morte di Buondelmonte, che mentre ne viene d'oltre l'Arno il di di Passqua sopra un caval bianco sicuro fù da molti congiurati a piè del Ponte vecchio tagliato a pezzi. Hora percioche queste erano le principali famiglie di Fiorenza se ne divise ad un tratto tutta la nobiltà seguendone una parte i Buondelmonti, un'altra gl'A., e gl'Uberti, e furono e questi, e quelli da molt'altre famiglie populari in questa guerra seguite; la quale guerra dentro la Città stessa di Fiorenza durò molt'anni, combattendosi i Palagi, e le Torri del continuo con molto sangue l'un l'altro, finche in capo forse trentatre anni gl'Uberti con l'altre famiglie che togli predetto Corrado A. che come si è detto si casò in Messina, e generò Raimondo che si casò in Randazzo con la figlia di Pietro Damiano Spadafora, e ne nacquero Notiochia col feudo di Maletta in dote, e Francesco A. ch'è chiamato nel serviggio militar del Rè Ludovico nel numero de' Baroni di Randazzo, e per esser egli perito nelle leggi fù molte volte promosso nell''ufficio di Giudice delle Reali Guardie.". E' dunque questa una nobilissima famiglia, derivata dagli Amidei di Firenze, passata in Sicilia, per ben due volte: sotto l'imperatore Federico con un Corrado, che stava al soldo di detto sovrano e che si stabilì in Messina, dalla quale città i suoi discendenti passarono in Trapani e sotto re Pietro d'Aragona, con un Puccio o Giacopuccio, che si stabilì in Palermo. Nel ramo palermitano notiamo un Francesco, che fu pretore di Palermo nel 1383-84; un Pino, senatore di Palermo nell'anno 1391-92; un Puccio, che tenne la

Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Amodeo

Familien-Wappen: Amodeo
Nachname Variationen: Omodei - Amidei - Huomodei

Familien-Wappen Amodeo, Amidei o Omodei (Sicilia, Toscana)

1 Blasonierung die Familie Amodeo, Amidei o Omodei (Sicilia, Toscana)

Troncato d'argento e di rosso al leone dell'uno nell'altro.

Citato in " Nobiliario di Sicilia di Antonio Mango di Casalgerardo, 1915-1970" .

Familien-Wappen Omodei, Huomodei, Amodeo e Amidei (Sicilia, Toscana)

2 Blasonierung die Familie Omodei, Huomodei, Amodeo e Amidei (Sicilia, Toscana)

Partito d’argento e di nero, al volo abbassato dell’uno nell’altro.

Citato in " Nobiliario di Sicilia di Antonio Mango di Casalgerardo, 1915-1970" .

Familien-Wappen Amodeo (Friuli)

3 Blasonierung die Familie Amodeo (Friuli)

D'argento, al capriolo d'azzurro, accostato nel canton sinistro del capo da un leone di ... col quarto franco d'azzurro, caricato di un sole d'oro.

Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. primo, pag. 41, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1890.

Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome