Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Amore, provenienza: Italia

Titolo: Nobili - Cavalieri - Baroni
Variazioni cognome: d'Amore - Amori
Araldica della famiglia: Amore
Variazioni cognome: d'Amore - Amori
Corona nobiliare Amore Antichissima e cospicua famiglia siciliana, detta Amore o Amori, di chiara ed avita nobiltà, propagatasi, nel corso dei secoli, in diverse regioni d'Italia. Molti i gentiluomini di tal casato che, con onore e coraggio, resero lustro a tal famiglia. Tra questi, senza nulla levar al valore degli omessi, ricordiamo: Gualtiero, tra i cavalieri di Aidone, nel 1283; Antonio, segretario del Duca Giovanni di Randazzo, dopo la cui morte passò ai servigi di re Federico IIII; Filippo, figlio del precedente, maggiordomo dell'Infatessa Leonora di Aragona, moglie di Gugliemo Peralta; Giovanni, giurato della città di Caltagirone, nell'anno 1401-2; Antonio, segretario e consigliere... Continua

dell'infante Pietro fratello di re Alfonso nella città di Piazza, il quale possedette il feudo di Lorsa, che ebbe confermato a 13 dicembre 1438; altro Giovanni, il quale sposò Altabella de Libiano, baronessa di Bubutello e fu padre di Antonio Melchiorre, che ne fu investito a 7 luglio 1506; Angelo, cavaliere dell'ordine di Malta nel 1566; Antonia Amore e Pisano, la quale venne, in data 7 dicembre 1787, riconosciuta nel titolo di baronessa di S.Margherita. La famiglia levò per arme. D'oro, al cuore di rosso forato da una saetta d'argento, posta in banda. Motto: Amore. Altro ramo. Antica famiglia laziale, la quale, al dir di illustri genealogisti, verosimilmente, venne fregiato del cavalierato, in seguito ai fedeli servigi prestati da un Alberto, alfiere della Santa Romana Chiesa, al generale Jacopo Boncompagni (Bologna, 8 maggio 1548 - Sora, 18 agosto 1612). Ma, d'altronde, la famiglia, sempre, riuscì a distinguersi, grazie agli elevati personaggi, a cui diede i natali. Tra questi, ricordiamo: D. Luigi, nunzio apostolico in Rieti, vivente nel 1611; Saverio, dottore in "utroque jure", vivente nel 1621, in Roma; Federico, medico, vivente in Roma, nel 1633; D. Filippo, dottore in Sacra Teologia, vivente in Bologna, nel 1643; D. Mattia, canonico, teologo e pronotario apostolico, vivente in Rieti, nel 1656; Ambrogio, Notaio, vivente in Roma, nel 1652; Gregorio, giureconsulto, vivente in Roma, agli albori del XVIII secolo; Flavio, ingegnere nel corpo pontificio, vivente in Roma nel 1848. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.


Compra un documento araldico su Amore

Stemma della famiglia: Amore
Variazioni cognome: d'Amore - Amori

Stemma  della famiglia Amore o Amori

1 Blasone della famiglia Amore o Amori

D'oro al cuore di rosso trafitto da una saetta d'argento posta in banda. Corona di Barone. Motto: Amore.

Citato in " Nobiliario di Sicilia di Antonio Mango di Casalgerardo, 1915-1970" .

Stemma  della famiglia d'Amore o d'Amori (Vitulano nel Beneventano)

2 Blasone della famiglia d'Amore o d'Amori (Vitulano nel Beneventano)

D'azzurro, all'aquila uscente di nero e mirante verso una porzione di sole d'oro, uscente dall'angolo superiore destro.

Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. terzo, pag. 143, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1890.

Stemma  della famiglia Amore (Napoli)

3 Blasone della famiglia Amore (Napoli)

D'argento, alla fascia d'azzurro, caricata di tre stelle a otto raggi d'oro, accompagnata da tre cuori rosso, due in capo e uno in punta.

Stemma  della famiglia Amori (Bretagne, Sicilie)

4 Blasone della famiglia Amori (Bretagne, Sicilie)

Gironné d'argent et de gueules de 8 pièces.

Cité dans "Nobiliaire et Armorial de Bretagne par Pol Potier de Courcy, 7ème Edition, Mayenne, 1993".

Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome