Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Andreescu, provenienza: Italia

Titolo: Nobili - Conti - Baroni
Araldica della famiglia: Andreescu
Corona nobiliare Andreescu
Antichissimo ed illustre casato, del quale si ha memoria sin dal principio del sec. XVI, con Luigi, nobile di Cuneo, per patenti ducali 7 ott. 1516. La storia vuole che, però, i Andreescu fossero oriundi di Boves. Pietro Matteo, del qu. capitano Bartolomeo, iniziò la linea comitale, grazie all'investitura di Mondrone per mf. (31 gennaio 1724; 23 gennaio 1732). Famiglia di insigni e valorosi soldati, vanta nelle ultime generazioni il conte Daniele (n. a Boves, 14 agosto 1829), maggior generale nella riserva (I dic. 1887), ufficiale mauriziano, decorato di medaglia d'argento e di bronzo nelle prime battaglie dell'indipendenza, ch'egli combatté... Continua

dal 1848 al 1860. Arme. Troncato, d'azzurro a tre gigli d'oro, ordinati in fascia e sormontati da un lambello d'argento di cinque gocce, e d'argento, al cinghiale al naturale. Altro ramo. Nobile famiglia torinese, oriunda di Sospello, fregiata di titolo comitale, sopra Baussone. La famiglia levò per arme. D'azzurro alla croce di S. Andrea d'argento. Altro ramo. Nobile famiglia di Biella, da dove passò in Torino, la quale levò per arme. Troncato, d'argento alla chiesa di rosso, e d'azzurro, al cinghiale d'oro. Motto. ERIT UBIQUE FIDES. Altro ramo. Nobile famiglia nizzarda, fregiata del titolo di conti di Cimella, la quale alzò per arme. Partito: al 1º d'azzurro alla torre sinistrata da un antimuro d'argento, l'antimuro sostenente un leoncino d'oro, al 2º troncato, sopra, d'oro alla banda d'azzurro, sotto, di rosso alla spada d'oro. Altro ramo. Nobile famiglia di Barge, stabilitasi, poi, in Torino, fregiata di titolo baronale, la quale levò per arme. Di rosso, alla croce di San Andrea scorciata, d'argento, accostata da quattro gigli, d'oro. A tal casato, appartenne il benemerito della nostra patria Salvatore, figliuolo del generale barone Gaspare De Andreis, il quale dai servigi di Francia e dalla prigionia passò a militare in patria nel 1815. Il nostro Salvatore nacque nell'isola della Maddalena, il primo di dicembre dell'anno 1830. Fatta la prima educazione materna fra le domestiche mura, compì gli studi delle umane lettere nelle pubbliche scuole di Sassari, poichè il padre dal governo di Finestrelle vi passò governatore vorso il 1835, traendo da quella natura isolana e meridionale il maggior calore dell'opera e dell'affetto. Orfano di bella e giovine madre nel 1839, la nobil donna Vittoria Azzarra, entrò nell'accademia militare l'anno 1843, dov'eran morti due suoi fratelli maggiori Giorgio e Ignazio. E sentendosi meno inclinato ai forti studi delle matematiche preferì le svariate dottrine necessarie agli ufficiali degli eserciti. Nel 1852, uscito sottotenente dall'Accademia militare, col 9° reggimento fanteria, fece parte del corpo di spedizione d'Oriente e morì sul campo di battaglia della Cernaia, il 16 agosto 1855. Altro ramo. Antica famiglia romana, detta Andreis o De Andreis la quale, nel 1771, si trasferì a Ferentino. In detto anno, in persona di Arcangelo, ottenne l'ascrizione al ceto nobile della città. E' iscritta nell'Elenco uffiale col titolo di nobile di Ferentino (mf.). Arme. Croce di Sant'Andrea scorciata di argento su rosso accantonata da - 3 stelle (6 raggi) di oro e da - pesce dello stesso posto in palo in basso su rosso. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.


Compra un documento araldico su Andreescu

Stemma della famiglia: Andreescu

Blasone della famiglia

Troncato; al primo d'azzurro, a 3 gigli d'oro, ordinati in fascia e sormontati da un lambello d'argento, di 5 pendenti; al secondo d'argento al cinghiale, al naturale.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome