Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Arzini, provenienza: Italia

Titolo: Nobili - Patrizi
Araldica della famiglia: Arzini
Corona nobiliare Arzini
Antica famiglia veneziana, al cui patriziato era ascritta, propagatasi, nel corso dei secoli, in diverse regioni d'Italia. La maggior parte degli autorevoli autori che si riferiscono alle origini della famiglia di Venezia, la dicono proveniente da Bologna e da Lucca (nelle quali città tutt'ora esistono alcuni rami) ove era investita di titoli nobiliari. All'epoca della guerra contro i ferraresi, avvenuta nel primo decennio del 1300, un Giovanni Arzini venne da Bologna a Venezia ed assoldò, a sue spese, 24 soldati a favore della Repubblica. Suo figlio Garzone Arzini, ottenne, nel 1335, assieme al fratello Bandino o Baldovino, un privilegio di... Continua

Cittadinanza veneziana. Per le benemerenze acquistate nella guerra di Chioggia venne proposto per la sua ammissione al Maggior Consiglio, ma il 4 settembre 1381 la morte lo colse, ed in sua vece furono nominati i figli Giovanni e Nicolò. In antecedenza a quest'epoca, e cioè il 20 marzo 1374, Giovanni, nobile e cavaliere di Pescia, fu ancora lui ascritto nella Cittadinanza veneziana, però con l'obbligo di non commerciare. I membri della famiglia, quindi, si dedicarono attivamente alla vita politica. Un Giovanni fu mandato nel 1409 a Cividale del Friuli, al fine di persuadere papa Gregorio XII, che era lì ricoverato, a cedere la dignità pontificia, attesa la elezione di Alessandro V. E Giovanni trovasi ancora, nella sua qualità di procuratore del Doge e del Comune di Venezia, a concludere la pace, stabilitasi il 30 maggio 1420, tra i Conti di Gorizia e al Repubblica Veneta. Oltre a ciò il Senato, con decreto 17 settembre 1442, proporrò a Francesco il suo provveditorato sopra le acque; e al 28 giugno 1465 Marino, camerlengo del Comune, rappresentava Venezia presso Giovanni Cinquechiese e Giovanni de Rozgon, oratori del Re di Ungheria. Un ramo dei Arzini, che era rimasto nelle classi popolari, s'industriò nelle mercanzie, e ammassò tali ricchezze da prestar denaro, il 5 ottobre 1458, alla Repubblica di Venezia per il tramite di Matteo, che nel 1446 era stato eletto dal Doge e dai suoi consiglieri priore dell'Ospizio dei SS. Pietro e Paolo. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.


Compra un documento araldico su Arzini

Stemma della famiglia: Arzini

Blasone della famiglia

Semitroncato partito: nel primo di argento, nel secondo di nero, nel terzo d'oro a 3 bande di rosso.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome