Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Autero, provenienza: Italia

Titolo: Nobili
Araldica della famiglia: Autero
Corona nobiliare Autero
Famiglia molto antica ed illustre, anticamente detta Auterii o Autuorii, i cui primi documenti risalgono agli inizi del '300, con un Petrus Auterii, esponente del movimento Albigese (Catari): "... Perlis, quod ipse et Petrus Auterii coram Inquisitoribus mutuâ aadoratione sese invicem salutarunt; ac ambo unus alium mutuo coram ipsis proni in terram more haereticali adoraverunt,...". Delle sue origini non abbiamo prove certe, si vuole sia originaria della Francia, ove si chiamava Auteraeu, ed insediata nella regione di Serverette e di Ribennes. Sia per gli Autero che per gli Auterau, l'antichità della famiglia, accompagnata con la scarsezza delle scritture, non... Continua
lascia scorgere il principio della sua nobiltà; tuttavia trovasi nel territorio del Regno delle Due Sicilie e di Gévaudan, in Francia, numerosi personaggi di tale cognome, di sovente, menzionati in documenti ed atti notarili, fin dai secoli trascorsi, dai quali appare che erano di condizione assai elevata. Ricordiamo, tra i molti: D.Carlo, catanese del XIX secolo, celebre per aver introdotto, nel Collegio delle arti di Sicilia, la stamperia delle mussoline e delle sete; il 1 maggio 1841, in Caserta, venne emesso un decreto che accordava, ai fratelli Salvatore, Benedetto, Francesco e Vincenzo, quondam Giuseppe, "la facoltà di apporsi al bollo a secco delle manifatture di seta e di calamo, stabilite in Catania, da avere nella parte convessa l'emblema della Trinacria e nella parte concava, nel primo giro, la leggenda Regia Dogana di Catania, e nel secondo fabbrica di tessuti di seta di Giuseppe Autero; nel 1854, in data 8 agosto, fu emanato un decreto che approvava l'atto di affrancazione, redatto dalla Commissione della provincia di Catania, in favore dei "meritevoli fratelli D.Domenico, D.Francesco e D.Franco Autero, e per essi del di loro speciale procuratore D.Filippo Barbagallo, col quale atto rimane affrancato, nell'interesse dei medesimi, il censo bullale dovuto dai suddetti Autero alla eredità di V.Miuccio e Longo, mediante il prezzo di ducati quindici e grana 54 annui di rendita sul Gran Libro di Sicilia". I cognomi così antichi rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.
Compra un documento araldico su Autero

Stemma della famiglia: Autero

Blasone della famiglia

Di rosso al giglio fiorentino argenteo. Quartier franco d'argento alla croce patente di rosso.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome