Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Barberi, provenienza: Italia

Titolo: Conti - Nobili
Variazioni cognome: Barberis
Araldica della famiglia: Barberi
Variazioni cognome: Barberis
Corona nobiliare Barberi Famiglia tra le più antiche e ragguardevoli di Castelvetro, comune nelle colline modenesi. I Conservatori della Comunità di Modena con privilegio in data 8 giugno 1700, per le sue benemerenze verso la città specialmente quale podestà, crearono l'Ecc.mo sig. Dott. Carlo, del fu Giovanni Antonio Barberi di Castelvetro, e i figli suoi e discendenti d'ambo i sessi in perpetuo, cittadini onorari di Modena. Carlo (dec. 1714), resse la podesteria di Modena dal 1697 al 1709 e fu nominato di poi Consigliere di Giustizia dal duca d'Este. Anteriormente aveva tenuto le podesterie di Trasilico in Garfagnana (1680), di Castelnovo Monti nel... ContinuaReggiano (1682), di Sassuolo (1685-88), ed era stato Governatore al Finale (1688) e nel Frignano (1694). Uno zio di lui Bartolomeo, di Lorenzo, Cappuccino (1615-1697), Padre Definitore dei Cappuccini per la provinica di Lombardia, fu Teologo insigne e lasciò parecchie opere filosofiche e teologiche a stampa. Un Giorgio fu professore di Leggi alla Univeristà di Modena, Consigliere Intimo del Duca Francesco III (1703-1767); Iacopo (1744-1825), di Giovanni Battista, professore di Teologia nel Seminario Abbaziale di Nonantola, poi Rettore dello stesso Seminario e Vicario Generale della diocesi; Tommaso (1748-1839) fratello del precedente, Giudice a Modena; Giovanni Battista, di Tommaso (1789-1855), giusdicente al Finale, governatore del Frignano, poi della Garfagnana, ottenne la Nobiltà del Finale da quella Comunità, e il 6 giugno 1842, d'ordine del Duca Francesco IV, assieme ai fratelli Canonico Giuseppe, Dott. Sante e Dott. Francesco veniva ascritto alla Nobiltà Modenese dal Tribunale Araldico della città. La famiglia è iscritta genericamente nell'Elenco Uff. Nob. Ital. 1922, col titolo di Patrizio di Modena (m.), in persona dei Discendenti da Giovanni Battista, da Sante, da Francesco (1842); Nobile di Finale (m.) in persona dei Discendenti da Giovanni Battista (1830). Altro ramo. Famiglia di antica e nobile tradizione, originaria del Piemonte. Il commendator G.B. di Crollalanza riporta la blasonatura di questa famiglia nei volumi del suo Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane. Motto della famiglia: Imperterrito victoria. Altro ramo. Fiori anche la fam Sicilia, percioche da lui ne nacque Matteo, e Pietro, dal predetto Matteo Gisberto, e Bernardo.
Compra un documento araldico su Barberi

Stemma della famiglia: Barberi
Variazioni cognome: Barberis

Stemma  della famiglia Barberi

1 Blasone della famiglia Barberi

D'azzurro, al monte di tre vette rocciose, al naturale, uscente dalla punta dello scudo, sormontato da tre fiamme di rosso, ordinate in fascia; col capo d'azzurro, sostenuto dalla fascia in divisa di nero cucita e caricato dal pegaso volante d'argento.

Barberi di Modena. Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. primo, pag. 94, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Stemma  della famiglia Barberi o Barberis

2 Blasone della famiglia Barberi o Barberis

D'oro, alla pianta di verbena di tre rami di verde, fiorita di tre pezzi di rosso. Motto: UNDIQUE TUTA. INSIDIIS OBSTA (la linea di Moretta).

Barberi o Barberis del Piemonte, Conti di Branzoli. Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. primo, pag. 94, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Stemma  della famiglia Barberi

3 Blasone della famiglia Barberi

D'argento, alla fascia a spina di pesce di rosso, con una stella d'azzurro nel punto del capo. Cimiero: una fanciulla ignuda scapigliata, nascente, cogli occhi rivolti al cielo, tenente nella destra un ramo di palma di verde. Motto: Ferendo Referam.

Barberi d'Asti. Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. primo, pag. 94, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Stemma  della famiglia Barberis o Barberi

4 Blasone della famiglia Barberis o Barberi

Spaccato; al 1° d'argento, all'aquila bicipite di nero; al 2° d'oro, al capriolo di rosso. Cimiero: cinque rami di verbena al naturale. Motto: Iustus Ex Fide Vivit.

Barberi di Bibiana; Conti Palatini. Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. primo, pag. 94, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome