Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Herkunft des Familiennamens Bazzi, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Conti
Nachname Variationen: Bazzo
Heraldik die Familie: Bazzi
Nachname Variationen: Bazzo
Krone des Adels Bazzi Diede parecchi illustri capitani agli antichi Duchi di Milano. Un Baldassare, famigliare ducale, ebbe nel 1432 dal Duca Filippo Maria Visconti il feudo di Robecco che fu conservato dai discendenti fino all'abolizione dei feudi. Ebbe Giureconsulti Collegiati, Decurioni, membri del tribunale di Provvisione ecc. A questa famiglia ha appartenuto il titolo di Conte, titolo che solevasi dagli imperatori a coloro che erano al loro fianco. Da questi Conti si sceglieva coloro che venivano destinati a soprintendere agli uffizi del regio palazzo, ed altri erano mandati al governo delle provincie dell'impero ed a gurdare i confini. Erano poi altri conti, estranei... Fortsetzung folgt
ai cennati uffizi, come quelli addetti all'annona, al commercio; ed anche i provveditori dell'esercito si ebbero quel titolo. Ai tempi dei Goti la dignità di Conte fu pur mantenuta a parecchi pubblici funzionari; ed i Longobardi ancora dissero i loro governatori conti o castaldi.

Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Bazzi

Familien-Wappen: Bazzi
Nachname Variationen: Bazzo

Familien-Wappen Bazzi o Bazzo

1 Blasonierung die Familie Bazzi o Bazzo

Partito; al primo d'oro, all'aquila di nero coronata del campo; al secondo di rosso, alla ruota di quattro raggi d'argento, sormontata da una crocetta dello stesso.

Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. primo, pag. 105, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome