Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Herkunft des Familiennamens Benzoni, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Conti - Marchesi - Nobili
Nachname Variationen: Benzone
Heraldik die Familie: Benzoni
Nachname Variationen: Benzone
Krone des Adels Benzoni
Famiglia milanese. Antonio con diploma cesareo 20 maggio 1733, interinato dal Senato di Milano il 2 ottobre di quello stesso anno, veniva insignito del titolo marchionale con trasmissione primogeniale maschile, appoggiato al feudo di Balsamo, di cui era stato investito con istrumento 26 settembre 1731 r.° Filippo Delmati, notaio camerale ed immesso in possesso il 26 febbraio 1732. Il fratello suo Lodovico, ricordato nel predetto diploma, fu generale dell'ordine dei Carmelitani e vescovo d'Eleusi per bolla 6 agosto 1738 di papa Clemente XII. Alessandro, abate, con decreto 19 settembre 1770 del Tribunale Araldico otteneva la delineazione dello stemma del Codice... Fortsetzung folgt
Araldico per sé e pe' fratelli suoi, figli del marchese don Antonio, patrizio milanese. Francesco, fratello del predetto, gli succedette nel titolo marchionale e con decreto 13 gennaio 1784 venne descritto nel Catalogo del Titolati e Regi Feudatari. Con sovrana risoluzione 1816 Marsilio, delegato provinciale di Mantova, marito di Teresa dei conti Salasco, ottenne la conferma dell'antica nobiltà e del titolo marchionale. I Benzoni sono iscritti nell'elenco Ufficiale coi titoli di "patrizio milanese" per m. e di "marchese di Balsamo" con trasmissione primogeniale maschile: trattamento di don e di donna in persona di: Tommaso, di Baldassare, di Gaspare e la sorella Giulia; Gaetano, di Gaspare, di Tommaso, di Marsilio. Vedi anche Benzone

Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Benzoni

Familien-Wappen: Benzoni
Nachname Variationen: Benzone

Familien-Wappen Benzoni (Milano)

1 Blasonierung die Familie Benzoni (Milano)

Troncato: al primo d'oro, al cane di nero, passante; al secondo d'argento piumato, ogni penna carica da una moscatura di ermellino di nero: col capo di argento, carico di un'aquila di nero, bicipite, coronata d'oro sopra le due teste. Cimiero: Il volo partito d'argento e di nero.

Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. primo, pag. 118, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1890.

Familien-Wappen Benzoni o Benzone (Crema)

2 Blasonierung die Familie Benzoni o Benzone (Crema)

Squamato d'azzurro e d'argento; col capo del primo caricato di un leone passante del secondo.

Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. primo, pag. 118, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1890.

Familien-Wappen Benzoni o Benzone (Venezia)

3 Blasonierung die Familie Benzoni o Benzone (Venezia)

Spaccato; nel primo d'azzurro al levriere fuggente d'argento; nel secondo piumato d'argento, ciascuna piuma caricata di un armellino di nero.

Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. primo, pag. 118, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1890.

Familien-Wappen Benzoni o Benzone (Roma)

4 Blasonierung die Familie Benzoni o Benzone (Roma)

D'argento, a tre verghette di nero, accompagnate da sedici crescenti dello stesso, disposti in quattro pali; col capo d'oro, caricato di un levriere fuggente di nero, collarinato d'oro.

Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. primo, pag. 118, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1890.

Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome