Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origem do sobrenome Biscossi, país de origem: Italia

Nobreza: Nobili
Heráldica da família: Biscossi
Coroa de nobreza Biscossi Nel secolo XVII un Teodoro sposa Margherita Biscossi; d'onde il secondo cognome. Proveniva da Valenza sul Po e qualche scrittore afferma che egli fosse della stessa agnazione degli alessandrini Aribaldi o Arribaldi; qualche altro, fantasticando, lo riattacca agli Annibali romani. La famiglia si illustrò nelle armi e nelle magistrature civili; un Santorre Teodoro fu, alla costituzione del regno d'Italia, prefetto a Livorno, aggregato a quella nobiltà civica per deliberazione 20 maggio 1860. La nobiltà della famiglia è antica. titolo: Nobile (maschi e femmine) Carlo, di Gasp., di Carlo. Fratelli: Francesco, Teodoro deceduto, Carolina. Figlie di Francesco: Carolina, Zoe, Luisa. Figli ... Continuadi Teodoro: Carlo, Paolina. La presenza del motto nella bibliografia documentata della famiglia ci conferma l'avita nobiltà raggiunta della casata. Infatti l'origine del motto risale a circa il XIV secolo e deve essere ricercata in quei detti arguti che venivano scritti sui vessilli o bandiere dei cavalieri, esposti alle finestre delle locande in cui questi alloggiavano, in occasione dei tornei, e durante i tornei stessi. Motto della famiglia: Non salvat superbia sed humilitas. Recta fides opttat vocat. ... Continua
Compre um documento heráldico sobre família Biscossi

Escudo da família: Biscossi

Escudo da família Biscossi

1 Brasão da família Biscossi

Interzato in fascia: al primo di azzurro, a due leoni d'oro, affrontati e controrampanti ; al secondo di rosso, a cinque bisanti d'oro ordinati in fascia; al terzo scaccato d'argento e d'azzurro.

Compre Escudo da família

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2015 - 2016 Heraldrys Institute of Rome