Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Herkunft des Familiennamens Carletti, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Nobili - Cavalieri - Conti
Nachname Variationen: Carletti di Puccio - Carletto - Carletti Giampieri
Heraldik die Familie: Carletti
Nachname Variationen: Carletti di Puccio - Carletto - Carletti Giampieri
Krone des Adels Carletti
Antichissima ed assai nobile famiglia originaria di Arcevia ma con residenze anche in Ancona e Sassoferrato, le cui prime memorie risalgono al secolo decimo terzo. Capostipite conosciuto e certo è Giovan Battista, vivente nel 1480. La famiglia fu dilettissima a papa Pio IV, a Cosimo III granduca di Toscana, a Francesco Maria II di Urbino e ai papi Innocenzo XI e Clemente XI, tanto che ne insignirono dei loro ordini cavallereschi diversi membri. Alberto I, uditore del card. Enrico Caetani, poi frate cappuccino, morì 1588. Papa Innocenzo XIII, con Breve del 20 dicembre 1721, decorò Francesco Ottavio, che si trovava... Fortsetzung folgt
alla sua incoronazione, dei titoli di cavaliere e di conte palatino, investendolo anche del feudo di Farneto. Ebbe questi due figli: Giuseppe (1739-1814), primogenito, che però per cause politiche espatriò e andò a stabilirsi a Milano e non ritornò in patria che nella persona del figlio Giuseppe junior (1773-1844) il quale andò a stabilirsi a Piticchio (castello di Arcevia) ed ivi formò la nobile famiglia Carletti Giampieri; e Teodoro, secondogenito (1742-1820), che seguitò la famiglia Carletti in Arcevia. Questi, da Pio VII, il 5 marzo 1816, ebbe la conferma del titolo di conte palatino, per sé e per i suoi discendenti, in infinito; titolo che fu riconfermato anche il 3 marzo 1837, da Papa Gregorio XVI, al conte Gioacchino (1785-1847), il quale fu valoroso combattente nell'armata napoleonica, e capitano di Stato Maggiore di Murat, col quale fece la campagna di Russia rimanendo ferito gravemente a Vilna. Il conte Pietro, di lui figlio, fu valoroso combattente garibaldino; fu ferito a Bezzecca nel Trentino, nel 1866, e morì valorosamente nel 1867, a Mentana. Era nato nel 1834. Altro personaggio illustre di questa casa, fu Alessandro. Nacque egli il 27 ottobre 1829 dal suddetto conte Gioacchino e da Caterina Lenci di Ripa. Studiosissimo sotto la guida del celebre P. Inghirani, entrò poi nell'Ordine Calasanziano. Insegnante di belle lettere a Firenze nel 1848-49, nel 1851 nel Collegio di Urbino; direttore delle scuole di Empoli nel 1860, professore a Siena nel 1861, professore nel 1876 a Roma nel Collegio Americano e finalmente conteso fra molte città come direttore, scelse la sua patria Arcevia dove impiantò sì bene le scuole tecniche da far avere al Municipio la medaglia di argento. Altro ramo. Nobile famiglia romana, originaria da Pesaro, la quale ebbe importanti uffici nelle Marche; nel 1839, in persona di un Pacifico, ottenne per sé e discendenti la nobiltà di Orvieto. Nel 1842 quella di Camerino. E' iscritta nell' Elenco ufficiale con i titoli di nobile di Camerino (mf) e nobile di Orvieto (mf), in persona di Publio, con i figli. Altro ramo. La famiglia Carletti fu ammessa ai primi onori di Montepulciano nel 1699, con messer Francesco Xaverio. Il figlio di Francesco Xaverio, Mariotto Carletti, fu decorato del titolo personale di Conte palatino, dal Pontefice Clemente XII, con Breve dell'11 dicembre 1733 ed ottenne l'iscrizione sua e della famiglia nel Libro d'Oro dei nobili di Montepulciano per decreto del 18 gennaio 1762. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri. Giovanni Antonio Carletti, 1788, serie dei canonici del duomo di Fossano

Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Carletti

Familien-Wappen: Carletti
Nachname Variationen: Carletti di Puccio - Carletto - Carletti Giampieri

Familien-Wappen Carletti o Carletto (Arcevia, Ancona, Sassoferrato)

1 Blasonierung die Familie Carletti o Carletto (Arcevia, Ancona, Sassoferrato)

D'argento alla fenice al naturale nella sua immortalità di rosso, fissante un sole raggiante d'oro, posto nel cantone destro dello scudo, e accomp. in punta da un nastro su cui è scritto "Nil mortale putes".

Citato in "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI", Vol. II pag. 328.

Familien-Wappen Carletti (Roma)

2 Blasonierung die Familie Carletti (Roma)

D'azzurro alla torre merlata e finestrata d'argento terrazzata di verde accompagnata in capo da una cometa d'oro.

Citato in "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI", Vol. II pag. 330.

Familien-Wappen Carletti o Carletto (Montepulciano)

3 Blasonierung die Familie Carletti o Carletto (Montepulciano)

D'azzurro, alla fascia d'oro, accompagnata in capo da una stella a sei punte dello stesso, e in punta da un crescente montante d'argento.

Citato in "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze; fasc. 5329.

Familien-Wappen Carletti di Puccio (Firenze)

4 Blasonierung die Familie Carletti di Puccio (Firenze)

Partito di... e di..., a due leoni addossati dell'uno nell'altro.

Citato in "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze; fasc. 1228.

Familien-Wappen Carletti o Carletto (Firenze)

5 Blasonierung die Familie Carletti o Carletto (Firenze)

Di..., a due delfini nuotanti l'uno sull'altro di..., sormontati da una squadra posta in fascia con la traversa a sinistra di..., e accompagnati in punta da un crescente montante di....

Citato in "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze; fasc. 1229.

Familien-Wappen Carletti o Carletto (Piemonte)

6 Blasonierung die Familie Carletti o Carletto (Piemonte)

D'azzurro, a tre stelle (6) d'oro, 2, 1.

Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome