Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origen del apellido Coccia, país de origen: Italia

Nobleza: Nobili
Heráldica de la familia: Coccia
Corona de la nobleza Coccia
Familgia originaria di Palermo, venne in Calabria pel Segretariato di queste regioni concesso da Carlo V ad Annibale Coccia. Stabilitasi in Tropea nel secolo XVIII per molti acquisti fatti di beni stabili in queste contrade. Vi è chi la crede una diramazione quella di Aquila. Altro ramo. Originaria di Calabria, poi nobile Messinese nei secoli XVI e XVII. Un Giacomo Coccia Abate prelato della diocesi di Santa Lucia del Mela, Vescovo titolare, e real Consigliere nel 1819. Altra famiglia alzò per arma. Di giallo, una rosa posta in fascia argentata, una mezzaluna in lo basso. . Motto della famiglia. Fortuna... Continuará
non mutat genus.
Comprar un documento heráldico de Coccia

Escudo de la familia: Coccia

Escudo de la familia Coccia

1 Blasòn de la familia Coccia

D'oro alla banda cucita d'argento, caricato di una rosa bianca al naturale e accompagnata nella punta da una crescente montante del secondo.

Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. primo, pag. 304, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Escudo de la familia Coccia

2 Blasòn de la familia Coccia

D'azzurro, a tre spighe di fromento gambute d'oro, poste in fascia, legate dello stesso.

Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. primo, pag. 304, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook