Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Covi, provenienza: Italia

Titolo: Nobili - Conti - Marchesi
Araldica della famiglia: Covi
Corona nobiliare Covi Antica ed assai nobile famiglia di Mantova, fregiata del titolo marchionale, di chiara ed avita virtù, propagatasi, nel corso dei secoli, in diverse regioni d'Italia. Tal casata, nel dispiegarsi dei lustri, sempre è riuscita a produrre una serie di uomini che hanno reso illustre il suo nome, nei pubblici impieghi, nelle professioni liberali ed ecclesiastiche e nel servizio militare. Fra questi, senza nulla levar al valore degli omessi, contasi: Luigi, dottore in "utroque jure", vivente in Mantova, nel 1572; Federico, proprietario terriero, fiorente nel 1589; Giacomo, dottore in "utroque jure", vivente in Mantova, nel 1604; Tommaso, ascritto al collegio dei... Continua
notai mantovani; P. Carlo, dell'Ordine dei Predicatori, fiorente nel 1612; D. Agostino, canonico e protonotario apostolico; Goffredo, milite, distintosi nel corso della Guerra di successione di Mantova e del Monferrato. Altra famiglia. Nobile casato di Soncino, fregiato del titolo comitale, distintasi con: Baldassarre, il quale prestò giuramento di fedeltà per i Soncinesi al duca Francesco I Sforza e che fu, nel 1461, podestà di Sassuolo; Ottavio, notaio in Soncino, fiorente nella seconda metà del secolo decimo sesto; Niccolò, giurista di fama, fiorente nel 1581; Enrico, proprietario terriero, fiorente nel 1603. Altra famiglia. Nobile casato di Brescia, conosciuto come da Covo o Covi, il quale ebbe in signoria la contea di Covo, in Lombardia, dal qual feudo prese il cognome. Agostino ed Orazio furono valorosi capitani; Lodovico ottenne la prelatura conventuale ed il priorato dell'Ordine di S. Stefano, nel 1596. Che i membri della famiglia Covi siano noncuranti delle cose volgari, ripromettendosi dalle sole loro energie la dovuta ricompensa, lo provano i documenti fino ad oggi conosciuti, come "Il Dizionario storico-blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti", del genealogista Giovan Battista di Crollalanza, pubblicato a Pisa nel 1886 in tre volumi, di oltre 1400 pagine. I cognomi così antichi rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.

Compra un documento araldico su Covi

Stemma della famiglia: Covi

Stemma  della famiglia Covi

1 Blasone della famiglia Covi

Inquartato; nel primo e quarto d'argento, alla biscia viscontea di verde; nel secondo e terzo di rosso, al covone di spighe d'oro; col capo dello stesso, caricato dell'aquila spiegata di nero.

Covi di Soncino, insigniti del titolo comitale. Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I, pag. 333, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Stemma  della famiglia Covi

2 Blasone della famiglia Covi

Inquartato; nel 1° d'oro, all' aquila rivolta di nero coronata del campo; nel 2° d'oro, all'aquila bicipite di nero sormontata di una corona imperiale; nel 3.° d' argento, ad una serpe ondeggiante in palo d'azzurro, ingolante un fanciullo di rosso; nel 4° d' azzurro, ad un fascio di tre spighe fogliate d' oro, legate dello stesso.

Covi di Mantova, fregiati del titolo marchionale. Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I, pag. 333, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Stemma  della famiglia Covi

3 Blasone della famiglia Covi

Semipartito-spaccato; nel 1° d'oro, all'aquila di nero; nel 2° di rosso; nel 3° d'argento; col capo dell'impero.

Covi di Brescia. Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I, pag. 333, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2015 - 2016 Heraldrys Institute of Rome