Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origem do sobrenome D'apice, país de origem: Italia

Nobreza: Baroni - Nobili
Heráldica da família: D'apice
Coroa de nobreza D'apice Secondo il Mugnos questa è una illustrissima famiglia nobile di Valenza, passata in Sicilia sotto il re Federico II di Aragone, e stabilitasi in Noto, Modica e Caltagirone fin dal secolo XVII. Proprio in Caltagirone, troviamo un Carlo con la carica di capitano negli anni 1635-36-37 e con quella di proconservatore nell?anno 1635; un Vincenzo barone delle Segrezie con quella di senatore nell?anno 1656-57, altro Vincenzo Aprile e Boccadifoco che venne a 20 aprile 1727 investito della baronia di Gimia Soprana; baronia che, all?abolizione della feudalità, troviamo in potere di Vincenzo Aprile e Benso, che ne era stato investito a... Continua10 aprile 1788. Un Antonino con bolla magistrale dell?ottobre 1789 esecutoriata a 20 febbraio 1790 venne insignito della croce di giustizia dell?ordine costantiniano, e nello stesso giorno venne tal distinzione accordata ad un Vincenzo. Un Giacomo Aprile e Benso occupò la carica di patrizio di Caltagirone nell?anno 1799-1800. Nella Mastra Nobile di Caltagirone poi troviamo iscritti un Vincenzo ed un Giacomo figli di Carlo; un Carlo, un Giuseppe, un Francesco e un Gaspare figli di Vincenzo; un Vincenzo figlio di Giuseppe; un Giuseppe, un Gaspare e un Francesco figli di Vincenzo; un Vincenzo, un Antonino, un Giacomo cavaliere di Malta; un Girolamo ed un Giuseppe figli di Gaspare ed altri ancora.
Compre um documento heráldico sobre família D'apice

Escudo da família: D'apice

Escudo da família D'apice

Brasão da família

D'azzurro al monte uscente dalla pianura erbosa, il tutto al naturale, con un sole d'oro nel punto del capo.
Compre Escudo da família

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome