Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Herkunft des Familiennamens De Girolamo Del Mauro, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Nobili
Heraldik die Familie: De Girolamo Del Mauro
Krone des Adels De Girolamo Del Mauro
Antica ed assai illustre famiglia campana, sorta dall'unione di due insigni casati. Il primo, ovvero quello dei De Girolamo, affonda le proprie radici in terra siciliana, dal momento che godette nobiltà in Lentini ed in Mazzara, possedendo i feudi di Sabuci, li Muni o Limone ed il salto di Balchino. Un Antonino, con privilegio dato in data 18 dicembre 1624 ed esecutoriato a 30 giugno 1630, ottenne concessione del titolo di don; un Giuseppe acquistò il salto di Balchino, del quale venne investito in data 5 dicembre 1772; un Biagio barone di Limuni per investitura del 7 aprile 1766 e... Fortsetzung folgt

del 15 sett. 1773, fu proconservatore in Lentini dal 1772 al 1778; un Gaetano dottore in leggi, figlio di Biagio tenne detta carica dal 1778 in poi, fu barone di Limuni per investitura dal 10 genn. 1780 e fu capitano di giustizia di Lentini nel 1789-90; un Francesco e Marsiglia fu giurato nobile di Mazzara nel 1794-95 e capitano di giustizia nel 1800-1801; un Vincenzo, dottore in leggi, figlio primogenito di Gaetano, fu proconservatore in Lentini 1803 e a 10 febbr. 1804 ottenne investitura del feudo Limuni; un Giuseppe-Antonio ottenne investitura del marcato di Salto di Balchino a 28 gennaio 1807. La famiglia Del Mauro, conosciuta anche come De' Mauro o Di Mauro, invece, al dir del Flaminio Rossi, vanta origini remotissime in Volterra. Fu proprio tal famiglia, inoltre, ad aver dato alla Chiesa il pontefice Lino, uno dei primi discepoli di S. Pietro, imparentandosi, poi, con le principali famiglie di Roma, da dove, successivamente, passò in Venezia. Dal Mugnos, sappiamo che il casato si stanziò nella città di Messina, con un Mauro, i cui figli servirono lodevolmente i reali siciliani, tanto da ottenere in ricompensa castellanie e feudi, verso il XIV secolo. Un Filippo fu senatore di Messina nel 1302; un Pietro, milite, fu secreto e maestro procuratore di Messina sotto re Federico; un Giovanni, da Messina, possedette il feudo Furnari, che, alla sua morte senza figli, venne concesso a 31 marzo 1375 a Stefano de Mauro, pure da Messina; un Mauro fu uno dei credenzieri della dogana di Messina sotto Carlo V; un Giovan Salvo, un Ottavio, un Francesco sono annotati nella mastra nobile del Mollica; un Girolamo fu giurato di Messina nel 1695-96; un Pietro fu giurato nobile di Messina nel 1746-47, console nobile del mare nel 1760-61, console nobile della seta nel 1765-66 e 1767-68 e fu decorato del titolo di marchese a 6 settembre 1756; un altro Pietro fu l'ultimo marchese in sua famiglia per investitura del 1 febbraro 1783. Non sappiamo se sia appartenuto a questa stessa famiglia quell'Antonino, fu giudice della Corte pretoriana di Palermo, nel 1777-78. I cognomi di cotal risonanza, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.


Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie De Girolamo Del Mauro

Familien-Wappen: De Girolamo Del Mauro

Blasonierung die Familie

Partito; nel primo d'oro, alla croce traversa di nero, nel secondo d'argento a tre fasce ondate di rosso, sormontate nel capo da un serpente alato volante dello stesso.
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome