Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Deiana, provenienza: Italia

Titolo: Conti - Nobili - Patrizi
Araldica della famiglia: Deiana
Corona nobiliare Deiana Antica ed illustre famiglia, originaria di Chiusi, fregiata del titolo di conti palatini, della nobiltà dell'Impero e di Roma, e del patriziato di Siena, ove trapiantata fu ascritta all'ordine del gentiluomo e a quello dei Nove. Omodeo, di Ranieri, ambasciatore nel 1220 a Federigo II per congratularsi della sua venuta in Italia. Damaso dottore in legge e sindaco del Comune di Chiusi. Antonio, di Stefano, gonfaloniere di giustizia dal 1353 al 1369. Damaso, dal 1431 al 1491, fu venticinque volte gonfaloniere di giustizia e dodici volte sindaco generale in Chiusi. Nicolò, di Damaso, fu del Consiglio generale della Repubblica nel... Continua
1485. Altro ramo. Fu capo-stipite un Deo (Taddeo) di Pittolo Ormanni da Cedda. Primi ad esser noti in Firenze sono Giovanni e Domenico, di Deo, il primo dei quali fu dei dodici Buonomini nel 1445 e gonfaloniere di compagnia nel 1447, mentre Domenico fu oratore alla Corte di Napoli. Miliano, suo figlio, fu priore nel 1473, e Benedetto fu non solo esatto cronista della sua patria, ma sostenne anche per quella diverse ambascerie. Della famiglia non si hanno più notizie dal 1683. Altro ramo. Appartenne al cessato nobile Consiglio di Feltre, ed ottenne la conferma della nobiltà con sovrana risoluzione del 6 Maggio 1821. Fu inoltre insignita del titolo comitale. I cognomi così antichi rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.

Compra un documento araldico su Deiana

Stemma della famiglia: Deiana

Blasone della famiglia

Spaccato; nel primo d'oro, all'aquila bicipite di nero, ciascuna testa coronata del campo; nel secondo d'azzurro, a tre anelletti male ordinati e intrecciati d'oro.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome