Heraldrys Institite of Rome
Italiano english english Español Português Português Deutsche

Origem do sobrenome Delfino, país de origem: Italia

Nobreza: Nobili - Conti - Signori - Consignori

Escudo e Brasão de Armas da família Delfino:
D'oro, al delfino di nero posto in banda fra due bande in divisa di rosso; col capo d'oro alla croce di rosso.

Escudo e Brasão de Armas da família Delfino
D'oro, al delfino di nero posto in banda fra due bande in divisa di rosso; col capo d'oro alla croce di rosso.

Antica ed illustre famiglia, con prima residenza in Levanto ed in Corniglia. Tra i personaggi che, maggiormente, diedero lustro a tal nobile casato, ricordiamo: Benedetto, anziano del Comune di Genova nel 1362; altri investiti di eguale ufficio nei secoli XIV e XV; Battistino capitano ed armatore di una galea nell'armata che fece l'impresa di Biserta sotto il comando dell'Arciv. Federigo Frogoso nel 1516. Ascritti negli Usodimare nel 1528. Prosegue l'ascrizione ...continua

alla Nobiltà fino al 1607, in cui furono ultimi ascritti Giambattista e Pantaleo figli di Tommaso q.m Girolamo. Altro ramo. Nobile famiglia originaria di Cuneo, la quale risulta fregiata del titolo di conti di Trivero, signori di Piazzo e consignori di Lavriano, Monteu da Po, S. Sebastiano. Altro ramo. Antica famiglia di origine piemontese, passata a risiedere in Castellammare Adriatico, la quale risulta insignita del titolo sabaudo di conte, trasmissibile per via primogeniale maschile, in data 4 novembre 1722, in persona di Alessandro. Altro ramo. Nobilissima famiglia veneziana, detta Delfino o Dolfino, la quale risulta tra le principali della Laguna, sin dalla fine dell'XI secolo, con un Domenico, procuratore di S. Marco nel 1095. I cronisti, in ogni modo, li fanno discendere da un Gradenigo, soprannominato "Delfino" per la sua abilità nel nuoto. Nel corso dei secoli, furono moltissimi gli uomini politici, di chiesa e d'armi che tal casato trassero in natali. Tra i molti, senza dubbio alcuno, ricordiamo quel Giovanni (Venezia 1280 - ivi 1361), il quale si fece notare sia per la vittoria di Capodistria (1350), sia per l'accorta opera spesa a vantaggio della politica antigenovese di Venezia in ambascerie a Bisanzio, a Verona e ancora a Bisanzio. Provveditore in campo contro le truppe di Luigi d'Ungheria, era assediato in Treviso, quando lo raggiunse la nomina a doge (1356). Dopo aver fatto la pace con l'Ungheria abbandonandole il litorale dalmata, poiché considerava impossibile una continuazione della lotta (1358), profuse tutta la sua attività nel riordinamento interno di Venezia, turbata, nel 1355, dalla congiura di Marin Faliero. Tra gli altri, rammentiamo: Baldovino (1275 ca.- dopo il 1335), politico; Zaccaria (1527 - 1583), cardinale e diplomatico; Giovanni (1529 - 1584), vescovo; Giovanni (1545 - 1622), cardinale; Giovanni (1617 - 1699), cardinale e drammaturgo; Daniele (1653 - 1704), cardinale; Dionisio (1663 - 1734), vescovo e Patriarca di Aquileia; Daniele (1688 - 1762), cardinale e Patriarca di Aquileia. Che i membri della famiglia Delfino siano noncuranti delle cose volgari, ripromettendosi dalle sole loro energie la dovuta ricompensa, lo provano i documenti fino ad oggi conosciuti, come il "Dizionario Storico-Blasonico", del commendatore G.B. di Crollalanza, che ne ha raccolte le tracce lasciate dalla famiglia in quelle città ove ebbe dimora ricoprendo cariche legislative, militari o altro, contribuendo non poco alla riuscita di quei documenti utili alla scoperta di questa famiglia.
Aviso Prévio Importante: Informamos que todas as informações disponíveis são apenas uma pequena parte da base de dados é uma resposta Authomatic não faz parte de uma pesquisa. Se você realmente gostaria de ter mais informações e completado por favor, olhe para a nossa E-shop. Para qualquer informação adicional, não hesite em entrar em contato conosco.
© 2013 - 2014 Heraldrys Institute of Rome