Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origen del apellido Di Berardino, país de origen: Italia

Nobleza: Marchesi - Nobili - Patrizi
Heráldica de la familia: Di Berardino
Corona de la nobleza Di Berardino La famiglia è originaria di Ceccano: ottenne nel 1877 da Sua Maestà Vittorio Emanuele II il titolo di marchese in persona di Filippo. Giuseppe fu creato nel 1868 cardinale da S. S. Pio IX. La famiglia è iscritta nel libro d'oro col titolo di marchese mpr. in persona di Adriano e dei figli Maria, Caterina, Giuseppe e Filippo, nonchè dei fratelli Isabella, in Guglielmi, Berardo, Olga in Federici ed Aida in Morra. Altro ramo. La famiglia, avendo avuto priori della città di Arezzo a cominciare da Berardino di Bartolommeo (1467) e gonfalonieri a partire dal 1650, fu ascritta al... Continuará
Patriziato aretino con decreto dell'8 marzo 1756. Altro ramo. Fin dal XII secolo aveva estesi possedimenti nella valle di Maira, e probabilmente nello stesso luogo di San Damiano dal quale prese il nome aggiungendolo al proprio. Un Ugone Di Berardino trovasi nominato col titolo di dominus fra gl'intervenuti nel 1254 alla conferma dei privilegi della suddetta valle fatta dal conte di Savoja a nome del march. di Saluzzo. Un Mansuerino Di Berardino era fra quelli che nel 1295 possedevano beni enfiteutici dipendenti dal monastero di S. Costanzo sul territorio di Dronero; quindi un Ponzio Di Berardino sindaco di Acceglio nel 1300, ed un altro Mansuerino sindaco nel 1379 di San Michele. Nella prima metà del XIV secolo un ramo di questa famiglia si trova stabilito in Saluzzo ed era delle primarie. Guglielmo credentario di quel Comune nel 1329 e sindaco nel 1352 e 1357. Giacomo, di lui figlio, ebbe in feudo dal marchese Tommaso di Saluzzo la borgata di Zoardo e Cartignano. Baldassarre signore di Cartignano era nel 1442 castellano di Dronero e podestà di Alba, e Costanzo suo figlio dopo aver governato per la Chiesa Perugia ed altre città pontificie, nel 1445 fu innalzato alla dignità di senatore di Roma, e due anni dopo nominato podestà di Dronero e della Valle di Maira. Questo ramo si estinse verso il 1610 nella persona d'Imberto, che aveva poco prima venduto il castello ed il feudo di Cartignano a Claudio Cambiano di Ruffa. Altro ramo. Antica e nobile famiglia dell'Emilia Romagna, anche se fu originaria della Toscana, si trapiantò nella città di Cesena nel 1384. Fra gli uomini egregi di questa famiglia son da notare un Basilio abate eruditissimo dei Monaci Premostatensi; un altro Basilio armigero bene affria della Romagna.

Comprar un documento heráldico de Di Berardino

Escudo de la familia: Di Berardino

Blasòn de la familia

D'oro alla banda d'azzurro accompagnata in capo da una testa di leone al naturale, linguata di rosso, e in punta da una conchiglia concava al naturale.
Berardi di Arezzo. Fonte: "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI",Vol. II pag. 42.
Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook