Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origen del apellido Di Paolo, país de origen: Italia

Nobleza: Nobili - Cavalieri - Patrizi - Conti
Heráldica de la familia: Di Paolo
Corona de la nobleza Di Paolo
Antica famiglia, detta Pol, Poli, Paolo, Di Paolo de' Paoli etc., originaria da Sebenico, stabilitasi in Venezia nel 1033. Si conoscono le vicende e le imprese commerciali dei viaggiatori veneziani Poli, testè illustrate nell'opera sapiente del professore cav. uff. Giovanni Orlandini, qualche altra notizia dimostra che dopo i Poli di Venezia e precisamente nel 1204, il cardinale Ottaviano Poli vescovo di Ostia, fu mediatore della pace tra Uberto Visconti podestà di Bologna e i modenesi, e a Bologna conservasi uno stemma in data 1598 del canonico e dott. di leggi Francesco P. Nell'Emilia i P. furono cittadini stimati; appartennero alla... Continuará

Università di Ferrara, nella quale città di stabilì il conte Giovanni Battista di Treviso, e si ricorda assai benevolmente la contessa Antropa Poli-Trotti (1865). I membri della famiglia, patrizi di Modena, sono menzionati nell'Elenco della Nobiltà Italiana edito nel 1922. Nel 1785 P. Domenico, rappresentante di Porto, apparteneva al Consiglio civico di Legnago. Così si trovano fra mezzo le classi nobili e cittadine in qualità di notai, professionisti e dirigenti nelle pubbliche amministrazioni di Padova, Vicenza, Milano, Rovigo; a Murano nel 1603 erano inscritti in quel Libro d'oro. Sessant'anni più tardi i fratelli Giovanni e Giacomo, del fu Giovanni Battista, del Cadore, avendo case in Friuli, dove pur godevano le prerogative della nobiltà (così loro stessi scrissero), erano nella condizione economica di poter versare volontariamente all'erario 50.000 ducati ed altrettanti in crediti legali, come fecero nel 1663, quando vennero nominati patrizi veneti. I loro discendenti furono confermati nei loro titoli nobiliari il 1 gennaio 1818, e al 21 settembre 1821 venne ugualmente confermato un altro ramo della famiglia domiciliata a Montereale (Friuli), ove avevano un feudo censuale. Nessuna però di queste famiglia è oggidì inscritta nell'Elenco Ufficiale dei Nobili. Ai tempi dell'assunzione al patriziato, un'altra famiglia di questo casato, pure del Cadore, era ascritta nell'ordine dei cittadini originari di Venezia. Questo ramo fiorì specialmente al principio del secolo XVIII in cui si trovano traccie dei P. in alcune lapidi sepolcrali di Chioggia e specialmente nei manoscritti lasciati dal Lodrini. Altro ramo. Famiglia aggregata al nobile Consiglio di Rovigo, il 12 gennaio 1644, nella persona di Andrea, di Antonio. Tal casato, detto Di Paolo, Di Paoli o, più semplicemente, Paoli, ebbe confermata la nobiltà con S.R.A. 22 settembre 1820 a Lodovico e Camillo, di Bernardo; il 5 maggio 1820 a Pietro, di Giovanni, e Giacomo, di Paolo Mario, ed il 19 novembre 1820 a Giuseppe Maria, di Giacomo Antonio. I cognomi di cotal risonanza, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.


Comprar un documento heráldico de Di Paolo

Escudo de la familia: Di Paolo

Blasòn de la familia

Troncato di rosso e d'argento alla fascia d'azzurro attraversante sulla troncatura caricata di tre stelle (8) d'oro, il secondo caricato di un albero al naturale posto a sinistra, nodrito su un terrazzo movente dalla punta, la chioma dell'albero sul primo passante sotto la fascia, il tronco sul secondo, ed di un bue al naturale fermo rivolto e con le corna legate al tronco dell'albero.
Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome