Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origen del apellido Dodici, país de origen: Italia

Nobleza: Nobili
Variaciones apellido: Codici
Heráldica de la familia: Dodici
Variaciones apellido: Codici
Corona de la nobleza Dodici É di origine tedesca, immigrata in Italia tra il XIV e il XV secolo. Suo capostipite certo fu un Costanzo de' D. condottiero d'armati, il quale fece acquisto di varie terre nella valle di Trebbia, e precisamente nel comune di Travi (prov. di Piacenza) dove i suoi discendenti continuarono a far nuovi e rilevanti acquisti per modo che resasi la famiglia padrona di un intero villaggio, diede a questo il proprio nome e fu detto D. di Viserano. fino dalla prima metà del secolo XV ebbero i D. nobiltà in Piacenza, confermata nel 1856 al proprio cognome quello degli Schizzi... Continuará

col titolo di Conte di Salizzole. Parecchi della famiglia D. furono ascritti al patrio collegio dei Notari, altri insigniti di cospicui ordini cavallereschi. Venanzio intendente militare delle truppe parmensi col grado di colonnello. Gaetano governatore di Piacenza e di Guastalla sotto Maria-Luigia d'Austria.


Comprar un documento heráldico de Dodici

Escudo de la familia: Dodici
Variaciones apellido: Codici

Escudo de la familia Dodici

1 Blasòn de la familia Dodici

D'argento, alla rupe al naturale sostenente un albero dello stesso, ed alla banda di rosso caricata di tre gigli d'oro attraversante sul tutto. Cimiero: Un liocorno rivolto nascente ed un semivolo d'argento caricato di un giglio d'oro.

Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. primo, pag. 362, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1890.

Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome