Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Fossa, provenienza: Italia

Titolo: Conti - Nobili
Variazioni cognome: Fossaluzza
Araldica della famiglia: Fossa
Variazioni cognome: Fossaluzza
Corona nobiliare Fossa Della famiglia, tuttora vivente, si hanno le prime notizie nel 1550 con un Benedetto, che ebbe un figlio, Claudio, sposatosi con Anna Mamoli. Da essi prende inizio l'attuale famiglia. Da essi prende inizio l'attuale famiglia. Ad essi succedette Benedetto, nel 1668, poi Claudio e Pompilio, nomi che si ripetono initerrottamente fino al sec. XIX. Claudio, di Pompilio, di Claudio, di Pompilio, fu nominato conte per se e suoi discendenti maschi in perpetuo dal duca Rinaldo d'Este con suo diploma 14 febb. 1728. Il figlio suo, altro Pompilio, n. nel 1698, ebbe per prima moglie la contessa Laura Rocca, e,... Continuarimasto vedovo senza figli, a 59 anni sposò la contessa Laura Signoretti, dalla quale ebbe 10 figli. Acquistò dai fratelli Mario e Tommaso Toschi il palazzo in via Emilia S. Stefano, anche attualmente proprietà della famiglia, dando loro in permuta altra casa che possedeva nella parrocchia di S. Prospero. Fu ottimo amministratore ed aumentò il patrimonio della famiglia. Dei suoi figli meritano speciale menzione: il conte Claudio, n. nel 1758, professore di agraria e botanica nel Liceo di Reggio, m. nel 1815 senza discendenti al Guartirolo, dove villeggiava, e fu sepolto a Campegine; il conte Antonio, che ebbe un figlio conte Pompilio, morto a Bologna senza figli, ed una figlia Anna, sposata al N.U. Gian Battista Sforza; e il conte Benedetto. Altro ramo. La famiglia ha antichissime origini e si stabiì nella Marca di Ancona erigendovi in tempo immemorabile un castello a Piticchio di Arcevia. Ebbe onori della podesteria in parecchi comuni limitrofi ed è ricordata dal Compagnoni nella sua Reggia Picena. E' pure ricordata in documenti di storica importanza in occasione di cruente contese marchigiane nel 1284 in quale anno viveva un valoroso capitano di cavalli Venimbene. La Santa Sede Apostolica annoverò tra i prelati di mitria Giovanni Battista che ottenne l'alta carica di vescovo suffraganeo della città di Velletri. Morì nell'anno 1690, essendo pontefice Benedetto XIII, il quale molto lo stimava e lo aveva riservato per la porpora. Giuseppe ebbe pure dal Supremo Gerarca onori altissimi. Fu votante di Segnatura, Ministro del duca di Modena a Roma, e morì nel 1720. Un atro della famiglia degno di speciale menzione fu Giambattista, che coprì in Francia, ad Avignone, la religione nella propria patria.
Compra un documento araldico su Fossa

Stemma della famiglia: Fossa
Variazioni cognome: Fossaluzza

Stemma  della famiglia Fossa (Marche)

1 Blasone della famiglia Fossa (Marche)

D'azzurro, a tre bande ondate accompagnate in capo a sinistra da una stella(6) d'oro.

Citato in "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI", suppl. 2°.

Stemma  della famiglia Fossa (Piemonte)

2 Blasone della famiglia Fossa (Piemonte)

Inquartato d'oro e d'azzurro. Motto: In te Domine confido.

Stemma  della famiglia Fossa (Emilia, Piemonte, Lazio e Lombardia)

3 Blasone della famiglia Fossa (Emilia, Piemonte, Lazio e Lombardia)

Di nero, a tre pali d'argento.

Citato in "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI", vol. III.

Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook