Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origem do sobrenome Friggi, país de origem: Italia

Nobreza: Nobili
Heráldica da família: Friggi
Coroa de nobreza Friggi
Famiglia di San Sepolcro ammessa al supremo onore del gonfalonierato fino dal 1560, in persona di Antonio, di Gabrielo, di Andrea. Vestì per giustizia l'abito di cavaliere nell'Ordine di S. Stefano con Alessandro, di Francesco, il 25 maggio 1690. Nella prima attuazione della legge del 1750 sulla nobiltà e cittadinanza in Toscana, i Rigi furono ascritti, con decreto del 20 aprile 1761, nel Libro d'Oro dei nobili di San Sepolcro, nelle tre case allora esistenti, rappresentata da: Domenico e Giovan Battista, del capitano Francesco, del capitano Antonio; Gaetano, di Benedetto, di Gio. Francesco; Anton Filippo ed Alfonso, di Francesco, di... Continua
Anton Filippo. Altro ramo. Questa nobile famiglia vanta illustri guerrieri e prodi capitani. Sono da segnalare un Gnano al servizio militare di Ranuccio Farnese, poi sotto le insegne del Conte Giovanni Sforza d'Aragona che lo creò cavaliere aurato nel 1503, passato quindi al servizio della Repubblica di Venezia che gli affidò la custodia delle bocche del Cattaro; ed un Cosimo capitano al servizio del Granduca di Toscana Ferdinando II nella guerra contro il pontefice Urbano VIII, si segnalò moltissimo nel 1643 nella presa di Città della Pieve, di Monteleone, di Castiglion del Lago, nel fatto di Montegiovino ecc. Nicolò R. fu governatore di Rimini. Altro ramo. Antica ed illustre famiglia originaria del territorio di Roma. Dalla bibliografia documentata sui manoscritti della Vaticana può rilevarsi il numero relativamente esiguo delle memorie riguardanti le famiglie romane. Se si tralasciano le fonti sospette del Ceccarelli, del Fanusio, del Metallino le cui favole furono in parte accettate al Iacovacci; ci rimane il repertorio vastissimo di quest'ultimo. Constatando che non esiste un Nobiliario romano, ma trovasi nell'Archivio Segreto della Santa Sede un grosso volume dal titolo: Famiglie ascritte al libro d'oro del campidoglio. Infatti il libro fu distrutto dalla rivoluzione, ma l'elenco datoci da Benedetto XIV nella sua costituzione Urbem Roman del gennaio 1746, ed in base al medesimo Pio IX il 2 maggio 1853 ordinò la rinnovazione del Libro d'Oro fatto per cura di una congregazione araldica capitolina. L'elenco delle famiglie ascritte al Libro d'Oro conservato nell'Archivio Vaticano, e molto esteso perchè abbraccia anche le famiglie patrizie estinte da secoli. La famiglia Friggi ebbe nobiltà riconosciuta tra il 1600 e il 1700 anno in cui Teodoro Amayden eseguì le sue ricerche e compose " Ragguaglio di tutte le nobiltà delle famiglie antiche et moderne di Roma... et famiglie straniere. Altro ramo. Famiglia assai antica ed illustre originaria della Sicilia. L'antichità di questo ramo accompagnata con la scarsezza delle scritture non lascia scorgere il principio della sua nobiltà; e perciò a ragione gli scrittori e ricercatori confessino con tutta la loro investigazione di non sapere accertare la sua origine; ma non vedendo noi addurre ragione alcuna per farci credere questa opinione, che tiene anche dubbia, potremo ancor noi proferire la nostra, non opinione, ma certezza evidente, mentre viene da noi appoggiata ad alcune evidenti ragioni che non sanno mentire. Trovasi dunque nel territorio della Sicilia numerosi personaggi di tale cognome, si trovano di sovente menzionati nei documenti notarili fin dai secoli trascorsi, dai quali appare che erano di condizione nobile.

Compre um documento heráldico sobre família Friggi

Escudo da família: Friggi

Brasão da família

D'argento, alla fascia di rosso accompagnata da tre crescenti montanti di verde, 2.1, e al capo d'Angiò.
Compre Escudo da família

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook