Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origen del apellido Gaetani, país de origen: Italia

Nobleza: Conti - Nobili - Principi
Heráldica de la familia: Gaetani
Corona de la nobleza Gaetani Storica famiglia tra le più antiche ed illustri del patriziato napoletano e romano, derivata secondo alcuni, da un Annecchino Goto, stabilitosi in Italia nel sec. VIII, e secondo altri, dalla nobilissima famiglia Anicia di Roma. Da Gaeta ove dimorò lungamente, dando dogi a quella repubblica a cominciare da un Docibile nell'anno 884, si diramò a Napoli, Roma, Anagni, Messina, Palermo, Siracusa, Benevento, Pisa ed in altre città. A Pisa con la Gherardesca, la Sigismondi e la Gambacorta, fu una delle principali quattro famiglie. Fu ricevuta nell'Ordine Gerosolimitano dal 1416, venne insignita del Grandato di Spagna di prima classe, del Toson... Continuará

d'oro, di S.Stefano, del R. Ordine di S. Gennaro, e del Supremo Ordine della SS.Annuzniata. Nel regno di Napoli occupò ereditariamente l'ufficio di Gran Protonotaro. Oltre ad un gran numero di valorosissimi capitani, di uomini di Stato, di cardinali, alcuni dei quali arcivescovi di Napoli, questa Casa diede un Papa alla Chiesa nella persona di Bonifacio VIII, figlio di Loffredo Gaetani e della contessa Emilia Conti, da Anagni, nipote questa del pontefice Alessandro IV, e, come ritengono molti autori, anche precedentemente, in persona di Giovanni eletto papa nel 1118 col nome di Gelasio II. Giordano Loffredo III, vissuto verso la fine del sec. XIII ed il principio del seguente, è il capostipite dei Gaetani, dei rami di Napoli e Roma. Sposò nel 1297 Giovanna dell'Aquila, contessa di Fondi, per cui il ramo di Laurenzana aggiunse questo cognome al proprio e di poi, per il matrimonio di Onorato, conte di Fondi, con Lucrezia, figliuola di re Ferrante I, anche quello d'Aragona. Dal detto Giordano Loffredo discesero Cristoforo, Giacomo e Nicola. Da Cristoforo, uscirono i Gaetani conti d'Alife, di Fondi, signori di numerosissime terre; duchi di Traetto nel 1498, di Laurenzana nel 1666, principi di Piedimonte nel 1715. Da Giacomo (1448), i signori e poi duchi di Sermoneta (1503), di S.Marco, conti, principi poi di Caserta (1762), principi di Teato nel 1750, in cambio del principato di Caserta ceduto dal Francesco Gaetani al re Carlo di Borbone. (Per questo ramo v. Caetani. vol. II, Enciclopedia stor-nob. ital.). Da Nicola, investito nel 1460 della Castellania di Mola di Gaeta, discese Vincenzo, marito di Cassandra de Rosa, da cui Giusepiglia è iscritta nel Libro d'Oro della Nobilyà di tale città.


Comprar un documento heráldico de Gaetani

Escudo de la familia: Gaetani

Escudo de la familia Gaetani

1 Blasòn de la familia Gaetani

Partito: nel 1° inquartato d'argento e di rosso; nel 2° palato d'oro e di rosso.

Gaetani originari di Pisa. Citato in "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc.2177.

Escudo de la familia Gaetani

2 Blasòn de la familia Gaetani

Partito: nel 1° inquartato di rosso e d'argento; nel 2° di rosso, a due pali d'argento.

Gaetani originari di Pisa. Citato in "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc.2177.

Escudo de la familia Gaetani

3 Blasòn de la familia Gaetani

Partito: nel 1° inquartato di rosso e d'argento; nel 2° d'oro, a due pali di rosso.

Gaetani originari di Pisa. Citato in "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc.2177.

Escudo de la familia Gaetani

4 Blasòn de la familia Gaetani

Partito: nel 1° partito: a/ inquartato di rosso e d'argento; b/ d'oro, a due pali di rosso; nel 2° inquartato: a/ e d/ d'oro, alla gemella ondata in banda d'azzurro; b/ e c/ pure d'oro, all'aquila dal volo spiegato di nero, coronata del campo. Sul tutto: di rosso, al leone d'argento.

Gaetani originari di Pisa. Nel 1° punto dello stemma c'è un partito con l'arma della città di Gaeta e quella del regno d'Aragona (diploma di Ferdinando II a Onorato Gaetani nel 1466); nel 2° punto c'è un inquartato Gaetani di Pisa e Impero: questo punto è legato al matrimonio di Corrado Gaetani, vicerè di Sicilia, con Costanza, figlia dell'imperatore Federico II. Sul tutto è l'arma della famiglia romana Anicia, da cui i Gaetani affermavano di trarre origine. In S. Maria del Fiore, sul sepolcro del vescovo Orso, si trova un'arma con la sola gemella ondata in banda, attribuibile a papa Bonifacio VIII (Benedetto Gaetani). Citato in "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc.5665.

Escudo de la familia Gaetani

5 Blasòn de la familia Gaetani

D'oro, alla gemella ondata in banda d'azzurro.

Gaetani originari di Pisa. Citato in "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc.5665.

Escudo de la familia Gaetani o Caetani

6 Blasòn de la familia Gaetani o Caetani

Inquartato; nel primo e quarto d'oro alla gemella ondata d'azzurro poste in banda; nel secondo e terzo d'azzurro all'aquila spiegata e coronata d'argento.

Gaetani o Caetani di Napoli, talvolta scritti anche Gaetano, Di G. etc. Citato in "Nobiliario di Sicilia" di Antonio Mango di Casalgerardo (Palermo, A. Reber, 1912).

Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome