Heraldrys Institite of Rome
Italiano english english Español Português Português Deutsche

Origen del apellido Giovannini, país de origen: Italia

Nobleza: Nobili

Escudo y Blasòn de la familia Giovannini: Troncato; nel primo d'azzurro ad una mezzaluna montante di argento, sormontata da tre gigli d'oro, ordinati in fascia; nel secondo sbarrato di argento e di rosso.

Escudo y Blasòn de la familia Giovannini

Prime notizie della famiglia si hanno intorno alla metà del secolo XVI con un Giovanni Francesco da Ciano e col figlio suo Paolo vivente nel 1579. Stefano, di Paolo, di Gio. Francesco fu notaio, come lo furono molti di questa famiglia, che ebbe pure parecchi giureconsulti. Suo figlio cavaliere Pellegrino era detto da Ciano, e rogava nel 1682, così il nipote Pietro Angelo, che rogava nel 1736. Don Cesare, di .... continua

Paolo, di Gio. Francesco fu Rettore della chiesa di Ciano d'Enza fino dal 1637. Il Cavaliere Giovanni Maria del cavaliere Pellegrino, di Stefano, da Ciano, nobile cittadino di Reggio, sposò Maddalena Cacciavellani; morì nel 1729 e fu sepolto in S. Pietro nella tomba di famiglia. Ebbe 9 figli di cui 6 femmine e Antonio, sacerdote; poi cavaliere Cesare, che sposò Paola Boinezzi e, morto nel 1760, fu sepolto in S. Pietro. Il suo ramo si estinse dopo due generazioni. Il cavaliere Pellegrino invece continuò la famiglia e da questo ramo deriva la nobile Enrichetta vedova Casoli, attualmente vivente. Il titolo nobiliare di cavaliere fu concesso dal duca di Modena Francesco III d'Este con suo diploma 2 giugno 1740 dato in Rivalta, che volle rendere perpetuo, anche ai loro figli e discendenti il titolo personale, già concesso ai fratelli cavaliere Cesare e cavaliere Pellegrino, ed al defunto loro padre cavaliere Giovanni Maria. Il cav. Pellegrino spos. in prime nozze una Eugenia, poi Vittoria Agiliati, ultima di questa nobile famiglia. Da lui, oltre al cav. Prospero, entrambi sacerdoti, venne il cav. Luigi, che spsò la nobile Lucrezia Toschi (dec. nel 1835) pronipote del famoso cardinale Domenico Toschi. Dei suoi figli: il cav. Pellegrino fece parte nel 1812 della grande armata di Napoleone, quale capitano dei cacciatori, e rimase disperso, chi disse al passaggio della Beresina, chi in Germania durante la ritirata. Eugenia. di Luigi, spss. l'avv. Giuseppe Viappiani dell'avv. Antonio, uno dei difensori degl'imputati politici pei moti del 1821 avanti al tribunale statario dei Rubiera, istituito dal duca Francesco IV, in cui furono condannati a morte con Giuseppe Andreoli (che morì sul patibolo), Antonio Panizzi, il conte Giovanni Grillenzoni il dott. Pietro Umiltà, Lamberti e tanti altri, che poterono in tempo riparare all'estero. I detti coniugi avv. Giuseppe Viapppina Caiti e morì in Ciano d'Enza nel 1856...

Aviso Importante: Le informamos de que toda la información disponible son sólo una pequeña parte de la base de datos-es una respuesta automaticos no forma parte de una investigación. Si usted realmente desea tener información más completa y por favor, eche un vistazo a nuestra página productos. Para cualquier información adicional, por favor no dude en ponerse en contacto con nosotros.
© 2013 - 2014 Heraldrys Institute of Rome

Social Network