Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Gislon, provenienza: Italia

Titolo: Nobili
Araldica della famiglia: Gislon
Corona nobiliare Gislon
Famiglia veneta, assai antica, originaria di Franche-Comté, in Francia, di indiscutibile valore e nobiltà, propagatasi nel corso dei secoli in diverse regioni d'Italia. Risulta iscritta nell'Armorial General, con il titolo di nobile, confermato per concessione sovrana con lettera patente nel 1747. Questa casata annovera vari personaggi illustri tra i quali notiamo un Gislon, vescovo di Parigi nel 886, che si batté fortemente, insieme al vescovo Ancherie, per fare desistere i normanni dall'assedio della città ed un Giacomo, storico assai apprezzato fiorito nel XVI secolo. In Italia i nomi dei Gislon sono prevalentemente ricordati in annuari e contratti di vendita, di... Continua

terre e case, dai quali appare che erano di condizione agiata e cospicua. Un Gislon, canonico vissuto nel XVI secolo, fu autore di importanti tavole universali dalla creazione in poi scritte in latino; un Giuseppe, maestro di campo in Pescara, fiorì nella seconda metà del XVII secolo; la carica era venale, ossia ricevibile e cedibile liberamente, per conseguenza i rampolli dell'alta aristocrazia potevano accedere al grado ad un'età assai precoce e trovarsi, quindi, in buona posizione per ambire per anzianità ai gradi superiori. Ad un Antonio, notabile veneziano vissuto nel medesimo periodo, fu dedicato un oratorio nel 1712 con musiche di Francesco Gasparini. La famiglia alzò per arme: "de gueules à un sautoir d'or".


Compra un documento araldico su Gislon

Stemma della famiglia: Gislon

Blasone della famiglia

Di rosso alla decusse d'oro.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome