Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origen del apellido Grosso, país de origen: Italia

Nobleza: Nobili - Conti - Signori - Consignori
Variaciones apellido: Grossi - de Grossi
Heráldica de la familia: Grosso
Variaciones apellido: Grossi - de Grossi
Corona de la nobleza Grosso
Famiglia molto antica e nobile, oriunda da Marene, le cui prime notizie rimontano all'anno 1154, ovvero sin dall'anno in cui una "Carta venditionis" di Milano riporta: "...Ibi statim coram ipsis testibus dedit vuadiam ipsa Richa consentiente suprascripto Ambroxio eidem Carnelvario ita si ipse campus est inpiliatum vel invasatum, vel si intencio vel discordiam apaluerint, defendere ei debet iure, sic posuit fideiusorem Grossum de suprascripto loco qui obligavit se ese fideiusor usque ad annis quinque, et illa con suis heredibus omni tempore in iure....". Giovanni Oddino, il quale nacque il 17 novembre 1685, e fu segretario civile del Senato, fu... Continuará
padre di Felice, dottore di leggi, padre di altro Oddino che sposò Genoveffa Messier, sorella di Amedeo primo ed unico conte di Grana (1781). Il nipote di costui, Carlo Amedeo, di Carlo, (nato 9 marzo 1811), avvocato, sposò Maria Cristina del colonnello Arnò, la quale fece una donazione all'Istituto delle Figlie dei Militari ed ottenne la rinnovazione del titolo di conte di Grana con Regio Decreto dell'8 novembre 1868, titolo il quale venne assunto dai suoi figli, Vincenzo, il quale morì celibe il 9 novembre 1869, e Carlo (nato Torino, 30 giugno 1860). Motto della famiglia: Sola voluntas. Altro ramo. Vittorio Emanuele II re d'Italia, con decreto 8 Nov. 1868, concesse al commendatore Carlo G. la facoltà di assumere, portare e trasmettere ai suoi discendenti maschi per ordine di primogenitura il titolo di conte di Grana, concesso per regie lettere patenti 13 Apr. 1781 ad Amedeo Messier fratello di Genoveffa, avola paterna del suddetto Carlo G. Di questa famiglia non si hanno più notizie dal 1837. Altro ramo. Antica e nobile famiglia originaria di Riva di Chieri, passata in Carignano ed in Torino, i cui membri risultano fregiati dei titoli di: conti di Bruzolo, Riva, S. Giorio, Solbrito; signori di Bussoleno, Chianocco; consignori di Chieri, di Brosolo e di Solbrito. Motto della famiglia: Sola voluntas. Altro ramo. Nobile famiglia di Strevi, passata in Casale, la quale risulta fregiata dei titoli di: consignori di Cavagnolo, Monteu da Po, Moransengo, Piazzo, Serralunga e Fornello, Terruggia. Altro ramo. Da Lodi, donde passarono a Voltaggio circa il 1200, indi a Genova. Giovanni anziano della Repubblica nel 1263 e 1268. Francesco q. Lorenzo fu ascritto negl'Interiani nel 1563. Non molte famiglie, anche fra le più antiche, possono vantare una nobiltà di origine così pregevole, della quale i discendenti, a buon diritto, potranno vantarsi. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.

Comprar un documento heráldico de Grosso

Escudo de la familia: Grosso
Variaciones apellido: Grossi - de Grossi

Escudo de la familia Grosso

1 Blasòn de la familia Grosso

Partito: al primo d'argento all'aquila di nero, sormontata da tre stelle d'oro, cucite e male ordinate; al secondo d'azzurro a due bordoni, o bastoni da pellegrino d'oro, decussati, legati di rosso, ed accompagnati in capo da una stella d'argento. (stemma assunto, ma non concesso ne riconosciuto).

Fonte: "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI", Vol. III pag. 591.

Escudo de la familia Grosso

2 Blasòn de la familia Grosso

D'azzurro, alla rotella d'oro, caricata di una croce del campo, e sormontata da una colomba tenente nel becco un ramo di ulivo, il tutto al naturale.

Grosso o de Grossi di Genova. Fonte: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Escudo de la familia Grosso

3 Blasòn de la familia Grosso

D'oro, all'aquila di nero, col volo abbassato, rostrata, membrata e coronata alla reale di rosso; con la bordura di nero caricata di otto bisantini d'argento.Cimiero: Un'aquila come nello scudo, in atto di spiccare il volo. — Motto: Sola VOLUNTAS.

Grosso di Riva di Chieri, consignori di esso luogo, di Brosolo e di Solbrito. Fonte: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Escudo de la familia Grosso

4 Blasòn de la familia Grosso

D’argento, all’aquila spiegata di nero, membrata e imbeccata di rosso.

Grosso o Grossi di Sicilia. Fonte: "Nobiliario di Sicilia" di Antonio Mango di Casalgerardo (Palermo, A. Reber, 1912).

Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook