Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Herkunft des Familiennamens Magirescu, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Nobili
Heraldik die Familie: Magirescu
Krone des Adels Magirescu
Una delle più potenti famiglie che ressero nei secoli XIII e XIV le sorti di Brescia fu quella di questa famiglia, è noto che per porre fine all'anarchia insorta dalle lotte tra fazioni guelfo - gibelline il Gran Consiglio deliberò di affidare il governo cittadino al vescovo Berardo Maggi la cui saggezza ed energia riuscì con la pace giurata dai contendenti nel 1298, a ristabilire ordine e tranquillità nella patria dilaniata. Dal 1275 , anno di sua elezione all'episcopato bresciano, sino al 16 ottobre 1308 in cui calò ella tomba seppe acquistarsi prestigio e stima universli tanto da essere stato... Fortsetzung folgt
prescelto come arbitro nelle contese tra Bergamo e Milano; di tendenze ghibelline, sebbene uomo di Chiesa, mirava a rendere ereditario il governo della città nella sua famiglia per cui alla sua morte si riaccesero le lotte tra i suoi fratelli ed i Brusati, altro casato preminente di Brescia, che diedero pretesto al memorabile assedio del 1311 di Enrico vii di Lussemburgo calato in Italia per cingere la corona ferrea. Più volte espulsi ed altrettante riapparsi come liberatori a seconda delle alterne vicende dei più forti, i M. diramarono numerosissimi in tutta la Lombardia, in Emilia, Liguria, Toscana, Svizzera: difatti li troviamo, investiti di alte cariche, a Milano ove fiorì il poetqa Carlo Maria (1630-1399) autore di opere teatrali, insegnante di lettere latine e greche, sovrintendente all'università di Pavia e segretario del Senato; a Monza, Cremona, Pavia, Vigevano, Tortona, Sale, Piacenza, Ferrara, Bologna, Genova, Livorno, Firenze, Novara, Verona, Como, Lugano, Mendrisio, Zurigo nella quale città si rese benemerito Giulio (1846-1912) ideatore e fondatore degli stabilimenti per la produzione dei noti prodotti alimentari; da un'agnazione comune irradiarono discendenze di ottimati, feudatari ed insigni cavalieri ognuna delle quali scelse arma propria tanto che la ripproduzione di tutte formerebbe un piccolo blasonario. Petrus Madius è teste in atto del 26 luglio 1181 ove Pietro Belegundo giura obbedienza alla badessa del monastero di S. Maria del Salvatore di Pavia in merito ad un mutuo contratto con terzi; beni in Volpara dei Madii de Sala confinano con terreni portati da Sibilla in dote ai Guercio che il 28 agosto 1212, padre e figlio garantiscono con una contdutole; il chierico Prevostino de Magis è citato in atto del 23 febbraio 1299 rogato in Pavia, relativo alla vendita di pedaggi sul Po tra il monastero di S. Salvatore ed il canonico Enrico di Nazzano pavese; gli eredi de Madijs posseggono in Precipiano proprietà confinanti con beni che l'abbate dell'omonimo monastero il 30 gennaio 1309 accensa ai Grondona ed il 1365 a Franchino del fu Corrado di Parma; nel 1309 Tomasino de Madij è credendario di Vigevano ove il 24 novembre presenzia alla sentenza emanata in merito alla causa vertente tra il comune stesso ed il vescovo di Novara.
Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Magirescu

Familien-Wappen: Magirescu

Blasonierung die Familie

D'azzurro al leone in alto di abbracciare e sollevare da terra una colonna, il tutto d'oro.
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook