Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Marchesini, provenienza: Italia

Titolo: Nobili
Araldica della famiglia: Marchesini
Corona nobiliare Marchesini
Antica ed assai nobile toscana, con residenza in Seravezza ma diramatasi anche in Cortona, Pisa e Firenze. Da una analisi cromatica e simbolica dello stemma, possiamo ricavare alcune importanti informazioni sulle virtù associate a tal cognome. L'azzurro essendo il colore del cielo, rappresenta la gloria, la virtù e la fermezza incorruttibile; l'aquila è emblema di nobiltà di natali, forza, potenza, grandezza d'animo, vittoria, valore, prudenza, strategia, gloria, monarchia o dignità ereditaria; la biscia richiama la prudenza, la perseveranza e la riflessione; il monte è simbolo di grandezza, sapienza e nobiltà; le stelle rappresentano la mente rivolta a Dio, la finezza... Continua
d'animo, le azioni sublimi e lo splendore della famiglia. D’altronde, tal famiglia, nel dispiegarsi dei lustri, sempre è riuscita a produrre una serie di uomini che hanno reso illustre il suo nome, nei pubblici impieghi, nelle professioni liberali ed ecclesiastiche e nel servizio militare. Fra questi, senza nulla levar al valore degli omessi, contasi: Federico, giurista, fiorente in Seravezza, nel 1512; D. Alessandro, protonotario apostolico, fiorente in Seravezza, nel 1543; Pietro, dottore in l'una e l'altra legge, fiorente in Cortona, nel 1604; Giulio, proprietario terriero nell'aretino, fiorente nel 1621; Guido, milite di professione, fiorente in Cortona, nel 1646; P. Nicola, dell'Ordine dei Minori Riformati, fiorente nel 1671; Benedetto, giurista, fiorente in Seravezza, nel 1699; Carlo Maria, medico, fiorente in Cortona, nel 1717; Giacomino, proprietario terriero nel fiorentino, fiorente nel 1729; Biagio, giurista, fiorente in Firenze, nel 1752; Marco, di Francesco, già cittadino fiorentino, il quale ottenne anche la nobiltà di Pisa nel 1768 e che s era unito in matrimonio con la nobildonna Barbara Domenica Campana. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.

Compra un documento araldico su Marchesini

Stemma della famiglia: Marchesini

Stemma  della famiglia Marchesini

1 Blasone della famiglia Marchesini

D'azzurro, all'aquila sorante di nero tenente nel becco una biscia al naturale, e posata sulla cima di un monte di tre cime d'argento uscente dalla punta; il tutto sormontato da tre stelle a otto punte d'oro, ordinate in capo.

Marchesini della Toscana. Citato in "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc.2891.

Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome