Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Herkunft des Familiennamens Mariani, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Nobili - Patrizi - Cavalieri
Nachname Variationen: Mariano - Marliani
Heraldik die Familie: Mariani
Nachname Variationen: Mariano - Marliani
Krone des Adels Mariani La famiglia è nota da parecchi secoli, fra quelle nobilissime appartenenti al patriziato Tarquiniese. Mons. Pietro Mariani, fu Vescovo di Segni e Modrusca; Andrea, fu valente scrittore; Anton Francesco, dotto sacerdote della compagnia di Gesù; Camillo fu pittore scultore ed architetto; Livio, fu dal 1848, ministro e Prefetto di Polizia e nel 1849, triumviro col Saliceti e Calandrelli. Crispino, morto ottantenne il 1° febbraio 1905, fu mecenate, non comune, di artisti e poeti. Fu ammesso per i suoi, non comuni, meriti tra i Pastori Arcadi, fu console dell'Impero francese dal 1859 al 1870. Si sposò con la nobile Sofia De... Fortsetzung folgtFilippis, lasciando alla sua morte i figli Clementina, Teresa, Benedetto e Margherita, suora Salesiana. Motto della famiglia: Cautus silet natator per undas. Altro ramo. Le più antiche memorie di questa nobile famiglia rimontano all'anno 1111. Il Dott. Giacomo Mariani fu vicario di Foligno per Corrado Trinci nel 1433 e 1434, quindi podestà della stessa città nel 1436 ed oratore del patrio Comune per la venuta del pontefice Nicolò V. Giambattista fu podestà di Fabriano e poi di Montefalco, oltre che uno dei correttori dello Statuto municipale di Assisi nel 1469. Ottaviano fu medico in patria, quindi in Narni, Spoleto e Nocera, pubblicò nel 1599 in Perugia uno scritto "De Acqua Albula seu de balneo Nuceriae". Ludovico scrisse e pubblicò nel 1637 un opuscolo delle Chiese di Assisi. Altro ramo. Famiglia originaria di Morbegno, in Valtellina. Martino, che nel 1809 sposò Ida Malacrida, ultima di sua famiglia, che portò in casa il palazzo situato nella borgata predetta, ottenne con sovrana risoluzione del 1817 il riconoscimento dell'antica nobiltà. La famiglia è iscritta nell'Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano col titolo di Nobile (mf.). Motto della famiglia: Cautus silet natator per undas. Altro ramo. Antica e nobile famiglia, originaria di Pescia. Il commendator G.B. di Crollalanza riporta la blasonatura di questa famiglia nei volumi del suo "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane". Altro ramo. Con il 1721, viene ad apparire, negli atti dell'universitá di Oricola, la nobile famiglia Mariani, originaria da Mariano da Sarno, uno dei prodi della disfida di Barletta. Ebbe in più epoche guerrieri e fu insignita del cavalierato di S. Gennaro, che veniva ereditato dai primogeniti. Per la illustrazione di questo casato basterebbe rammentare il nome sacro di Livio, nato in Oricola, il 24 febbraio 1793, dalla contessa Della Tosa, di Marano Equo, con cospicue proprietà in ben diciotto paesi dello Stato pontificio e dal valoroso generale Mariano. Questi, duce di prodi corregionali, nel 6 maggio 1799, per difendere le patrie libertà, dopo lunghi e ripetuti combattimenti, sostenuti meravigliosamente, contro eserciti francesi del celebre Championnet, nella contrada Miole di questo territorio, cadde da eroe con le armi in pugno, nella giovane età di anni quarantacinque. Livio Mariani sposò, nel 1812, Vincenza Contestabile, appartenente a illustre famiglia di Subiaco, dalla quale ebbe quattro figli: Giannicola, che per l'amministrazione dei beni materni, si trasferì a Marano Equo; Mariano, che gli premori nel 1849; Adelaide, coniugala al mio avo paterno Achille Laurenti e Artemisia, maritata al nobile Teodosio De Vecchi, anche di Oricola. Nei moti politici del 1821, Livio Mariani, rifugiatosi per tempo in Marano Equo, riuscí a sfuggire la persecuzione della Polizia borbonica: ne fu domandata l'estradizione al Governo pontificio, non potuta ottenere per l'amichevole interessamento del cardinale Consdivi, che lo proteggeva. Risiedendo colà ebbe la cittadinanza onoraria di Subiaco e scrisse parecchie opere pregevoli. Nel 1830 fu arrestato, unicamente a suo fratello Prospero, perché accusato di nascondere in casa i prevenuti politici Tugoni e Montanari, il quale ultimo fu poi uno dei martiri di Belfiore, giustiziato in quella fortezza, il
Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Mariani

Familien-Wappen: Mariani
Nachname Variationen: Mariano - Marliani

Familien-Wappen Mariani

1 Blasonierung die Familie Mariani

Spaccato nel 1° d'argento alla branca di leone di rosso movente dal fianco sinistro; nel 2° d'armellino. Cimiero: Una aquila di nero coronata d'oro.

Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. secondo, pag. 81, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1890.

Familien-Wappen Mariano , Mariani o Marliani (Milano, Torino, Vercelli)

2 Blasonierung die Familie Mariano , Mariani o Marliani (Milano, Torino, Vercelli)

Di nero, al leopardo d'oro, illeonito, tenente una clava di verde.

Familien-Wappen Mariani (Lucca)

3 Blasonierung die Familie Mariani (Lucca)

Trinciato d'argento e di rosso, alla banda d'azzurro, caricata di tre stelle di otto raggi d'oro, attraversante sulla partizione.

Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. secondo, pag. 81, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1890.

Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome