Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Migliorie, provenienza: Italia

Titolo: Cavalieri - Nobili
Araldica della famiglia: Migliorie
Corona nobiliare Migliorie Questa antica famiglia di Pistoia porta la cognominizzazione del nome augurale Miglióre, comparativo di buono. Il nome, che in parte continua il personale latino di età tarda Melior, è molto comune nel Medio Evo, e appare in vari documenti in latino medioevale dell'XI e del XII e XIII secolo nelle forme Melior, Meior e Meiorus, Melliore e Milliore, ecc. L'argento del campo di questo scudo fu il colore dei guelfi e dei bianchi d'Italia, rappresenta l'amicizia, l'equità, la giustizia, l'innocenza e la purezza. Le stelle sono simbolo di guida certa, una stella fu guida sicura al nato redentore, un'altra è... Continua
sicura indicazione della strada a chi conduce la nave nella notte, due fatti che dovevano imporsi alla fantasia degli uomini quando vollero rapprensentare la guida sicura verso il sicuro arrivo al porto spirituale od a quello materiale. La fascia è simbolo di cavalierato, cioè vuole rappresentare il cingolo dei cavalieri, con i quali essi si fasciavano i fianchi e vi appendevano la spada. Altro ramo. Nicolò de'M. nobile Fiorentino, servì il Rè Martino con carico di Proveditore dell'Armata maritima, suo figlio Marc'Antonio fù armato Cavaliero dello Spron d'oro del Rè Alfonzo nel 1440. Questi procreò Nicolò II, Girolamo, e Giovanni, che reuscirono virtuosi gentil'huomini. Nicolò si casò con la figlia di Pietro d'Angles gentil'huomo Palermitano, che gli generò Marc'Antonio, Pietro, e Girolamo.

Compra un documento araldico su Migliorie

Stemma della famiglia: Migliorie

Stemma  della famiglia Migliorie

Blasone della famiglia

Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome