Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Milonga, provenienza: Italia

Titolo: Marchesi
Araldica della famiglia: Milonga
Corona nobiliare Milonga
Godette nobiltà in Trapani, Marsala e Mazzara. Un Guarniero da Alcamo nel 1403 aveva la carica di portulano dei porti e marine di Castellamare del Golfo; un Andrea ottenne da re Alfonso una salina in Trapani nella marina di S. Teodoro, che era ancora in possesso della famiglia al momento dell'abolizione della feudalità; un Giovanni, ebbe investitura di detta salina il 3 gennaio 1479; Giacomo, ne fu investito il 26 ottobre 1496. Bartolomeo, figlio di Giuseppe, fu barone della salina in Trapani per investitura del 1 febbraio 1631 e del 16 settembre 1666, fu senatore di Trapani, capitano di... Continua
giustizia, sposò Giovanna da Monte San Giuliano e fu padre di Benedetto, barone della salina per investitura 1 dic. 1674 e capitano di giustizia in Trapani. Un Mario tenne la carica di prefetto di Mazzara, e nel 1765-66 è tra i nobili da scrutinarsi in detta città; un Vincenzo, vice ammiraglio della corte almirantica di Marsala e un Francesco, sindaco di Marsala, nel 1759 fanno parte della nobiltà di detta città; un Cesare investito del titolo di marchese del feudo di Campobianco, come figlio, di Francesco, il 4 nov. 1761, fu cavaliere costantiniano nel 1771, capitano di Mazzara nel 1765 e sposò in prime nozze Caterina Sicomo e Colluzio di Vincenzo, barone di Vita e in seconde nozze Maria Genna Barbara; Francesco Milo e Sicomo, figlio di Cesare, fu investito del titolo di marchese e del feudo di Campobianco il 7 gennaio 1792, fu giurato di Mazzara nel 1794-95, e vendette nel 1795 il feudo di Campobianco a Tommaso La Lumia Caracciolo; un Vincenzo Milo e Sansone, fu giurato di Marsala nel 1798-99, acquistò la metà della Salina di Villadimare in Marsala o Salina dell'Infelsa e ne ebbe investitura il 10 dicembre 1804; un Ignazio il 7 settembre 1803 giurò come maestro notaro della corte civile di Mazzara; un Rocco Milo e Palma fu senatore di Marsala nel 1812-13; un Cesare Milo e Genna, tenente colonnello negli eserciti del re delle Due Sicilie, domandò di poter vendere il titolo di marchese a lui spettante, ma il Protonotaro del Regno diede parere contrario l'8 marzo 1814. La famiglia è iscritta genericamente nell'Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano del 1922 col titolo di Marchese di Campobianco (maschio primogenito).
Compra un documento araldico su Milonga

Stemma della famiglia: Milonga

Blasone della famiglia

D'azzurro alla banda sostenente un leone coronato illeopardito, il tutto d'argento.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome