Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Minero, provenienza: Italia

Titolo: Cavalieri
Araldica della famiglia: Minero
Corona nobiliare Minero
Originaria di Lucca, trovasi stabilita in Firenze fin dalla metà del XIII secolo. Un Ruggerino alla battaglia di Montaperti era uno degli alfieri dell'esercito guelfo, e nel 1280 segnò la pace del Cardinal Latino. Maso, di lui figlio, fu il primo dei trentatre priori della sua casa nel 1283, e Lapo fu il primo dei tredici gonfalonieri nel 1302. Andrea di Nicolò, capitano valorosissimo ed egregio cittadino, fu eletto nel 1389 ambasciatore d'obbedienza a Bonifacio IX, fu più volte del magistrato dei Dieci, e nel 1393 andò per incarico del Comune a Perugia per calmare le fazioni che desolavano quella... Continua
città. Giovanni suo figlio, essendo gonfaloniere nel 1434 ricevè da Eugenio IV lo stocco ed il cappello benedetto. Da lui nacque Pietro che nel 1471 andò ambasciatore a Sisto IV che lo armò cavaliere dello Speron d'Oro; nel 1472 fu nel Consiglio di guerra contro i Volterrani, e nel 1475 fu deputato a sedare i gravi tumulti suscitati in Pistoja dalle fazioni. Tommaso di Andrea fu ambasciatore e podestà di Pisa, e lasciò quattro figli, tre de' quali divisero la famiglia in altrettanti rami. Quello di Piero si estinse nel 1788 in Raffaello che fu autore di una cronaca de' suoi tempi, e che successe nell'eredità della famiglia Squarcialupi, cambiò il proprio nome in quello di Alessandro Squarcialupi. Il secondo ramo fu originato da Antonio e fu detto dei Minerbetti-Tassi in forza dell'eredità avuta da questa famiglia, e si estinse nel 1731 nella persona del senatore Ugo. Autore del terzo ramo fu Andrea che seguì il partito mediceo e favorì l'instituzione del principato di cui fu fatto senatore; carica che fu quindi goduta per altre quattro volte dai di lui successori che mancavano il 21 Nov. 1793 nella persona di Arrigo, il quale lasciò una sola figlia maritata al Marchese Santini di Lucca. Nella gerarchia ecclesiastica sono notevoli di questa famiglia Francesco di Tommaso Vescovo di Arezzo che fu molto in favore presso Leone X, poi consigliere di stato del duca Alessandro e di Cosimo I; Bernardetto di Andrea Vescovo pure di Arezzo al quale furono affidate importanti missioni dal suddetto Cosimo; e Cosimo di Bernardo Vescovo di Cortone nel 1622 che fu tra i consiglieri di Cosimo II.

Compra un documento araldico su Minero

Stemma della famiglia: Minero

Blasone della famiglia

Di rosso all'aquila bicipite, d'oro, coronata sulle due teste dello stesso, carica sul petto di uno scudetto di azzurro alla fascia d'oro.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome