Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origen del apellido Misere, país de origen: Italia

Nobleza: Nobili
Heráldica de la familia: Misere
Corona de la nobleza Misere
Sin dai primi decenni del XII sec. Tortona era patria di questa famiglia, tra le famiglie nobili ivi viventi nell'anno 1140. Nel 1197 un Sedacio partecipa alla stipulazione di un trattato di pace ed alleanza della durata di 29 anni tra tortonesi e genovesi giurandone l'osservanza; un M., credendario, l'11 maggio 1198 delibera in merito ad un mutuo che il comune di Tortona contrae con i fratelli Loterengo, ed il 26 agosto dello stesso anno promette di attenersi ai capitoli di pace proposti dai consoli di Pavia in merito alle divergenze insorte tra Genova e Tortona; Giacomo è teste in... Continuará
atto del 15 luglio 1205 con cui i signori di Nazzano e di Pozzol Groppo cedono ogni ragione su quest'ultimo al comune di Tortona; eletto credendario il 31 luglio 1210 presenzia alla sottomissione di Assalito di Mongiardino ai consoli tortonesi; nel 1218 Opizzo M. è investito della carica consolare ed il 12 e 17 marzo partecipa con i colleghi ed il Consiglio generale, cui sedeva Rubaldo, alla stipulazione degli accordi tra i comuni di Tortona e Genova giuandone l'osservanza. Detto Rubaldo e Andrea, credendari il 16 maggio 1224 sottoscrivono l'impegno assunto dai consoli di versare lire mille al marchese Del Bosco a saldo dell'acquisto del luogo omonimo; al Consiglio generale il 6 gennaio 1235 Rubaldo nomina Lantelmo di Casei a procuratore del comune di Tortona per la pace con Genova affidando allo stesso la scelta degli arbitri sulle questioni tortonesi; i consoli di Villa (Villavernia) tra cui Guido M., la Credenza e proprietari del luogo, l'8 luglio 1235 deliberano la vendita al monastero di Rivalta di quanto da loro posseduto in località Isella; Rubaldo, consigliere, appare in atto del 26 novembre 1245 con cui il comune di Tortona dispone la vendita a terzi di beni in territorio di Novi. Il 20 aprile 1269 podestà e Consiglio generale, cui sedeva Giacomo M., nominano un procuratore in causa col comune di Pavia per la Bagnolasca ed a giudice Corrado Opizzoni; lo stesso Giacomo e Rubaldino, anch'egli consigliere, partecipano alla seduta del 6 maggio 1278 in cui il comune di Tortona conferisce la cittadinanza alla comunità di Viguzzolo. Nel 1280 furono delegati tre ambasciatori, tra i quali detto Giacomo, affinchè si recassero a Vercelli dal marchese Guglielmo di Monferrato per cofine di estinguere debiti comunali; a Porta S.Quirino esercitava il notarito nel XVI sec.

Comprar un documento heráldico de Misere

Escudo de la familia: Misere

Blasòn de la familia

Partito di rosso e di verde; nel 1° a una torre al naturale, al 2° al leone d'oro.
Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome