Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origem do sobrenome Molpicella, país de origem: Italia

Nobreza: Nobili
Heráldica da família: Molpicella
Coroa de nobreza Molpicella Famiglia di assai antica origine, la cui esistenza, in Terra di Bari, risale documentariamente al secolo XII (Staso, 1135), ma il casato, parecchio diffuso nel medio evo nelle regioni di Napoli e di Amalfi ed in altri posti della Campania già appare nei documenti dell'anno 1027. Questi di Puglia godevano da tempo immemorabile la civica nobiltà nella città di Molfetta. Nel secolo XIV il giudice Pietro, di Pasquale, trasferì la sua discendenza nella vicina Giovinazzo nella cui piazza nobile venne subito accolta. La linea di Molfetta si estinse sul cadere del secolo XVII ed una delle sue diramazioni... Continuafinì in Silvia, sposata (1614) a Giovan Antonio di Giovinazzo da dove il ceppo giovinazzese pur sempre esercitando il patriziato in quella città, riportò la sua dimora a Molfetta. Nella seconda metà del secolo XVIII il giureconsulto Vincenzo trapiantò la famiglia nella città di Napoli. La fam. strinse alleanze con le nobile famiglie Rufolo, Grimaldi, Bonelli, de Turcolis, Sasso, Dottula, Frammarino dei Malatesta, Stanga, Elefante, Chyrlìa, Barberisio, Ciardi, Boccapianola, Sagarriga Visconti, Anfora, Capitaneo de Notaristefani, Frezza di S. Felice ed altre. In essi si estinse la linea primogenita dei Taurisano patrizi di Mari, provenienti da Ugolotto signore e conte di Brienza e di Serra di Montorio al tempo di re Ladislao. Personaggi ragguardevoli ne furono il giudice Pietro, ci cui ci è rimasto un arbitrato del 1407 fra il regio governatore e castellano di Bari e dil luogotenente del giustiziere di quella provincia; il figlio di lui, Francesco, ricordato dal Lupis, dal Toppi, dal Paglia quale supremo inappellabile magistrato nel principato di Taranto; Giovanni Antonio, che andò ambasciatore per Mofetta alla regina vedova Giovanna d'Aragona nel 1517; Giovanni Battista, che fatto, appena quattordicenne, cavaliere Mauriziano, militò per Carlo Emanuele I di Savoia; il canonico Vespasiano, fondatore della chiesa di Santa Maria Consolatrice in Molfetta, Giovanni Antonio, postumo che con milizia da lui assoldata seguì il conte di Conversano nell'impresa contro il popolo di Napoli nel 1648; Vincenzo, dottissimo avvocato e magistrato, figli di lui Filippo, Scipione, Luigi, letterati e illustri di storia. Questa famiglia fu ricevuta nell'ordine Mauriziano il 1598; neavallo (1837), ed aggregata al Monte Maso fra le quaranta famglie napolitane nobili e fuori Seggio (1880).
Compre um documento heráldico sobre família Molpicella

Escudo da família: Molpicella

Brasão da família

D'argento alla banda d'azzurro carica di tre gigli d'oro ed accostata da due volpi al naturale, correnti in banda.
Compre Escudo da família

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome