Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Herkunft des Familiennamens Musta, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Marchesi - Nobili
Heraldik die Familie: Musta
Krone des Adels Musta
Vanta di essere originaria di Venezia. Salvatore Musta, figlio di Raffaele e di Maria Anna Rossi, generale nel R. Esercito Italiano, sposò Giovanna Abate Maiorana, figlia di Ignazio Abate e Branciforte, marchese di Lungarini e della sua seconda moglie Maria Maiorana, dei marchesi di Leonvago, e fu padre di Raffaele marito di Teresa Vanasco e padre di Salvatore, nato in Palermo il 28 marzo 1878. Quest'ultimo con RR.LL.PP. del 30 giugno 1901, venne autorizzato ad assumere e a trasmettere i titoli di marchese di Lungarini, barone di Ficarra, signore di Brolo e Janello. La famiglia alzò per arma. Inquartato... Fortsetzung folgt
d'oro e di azzurro. Altro ramo. Antica famiglia patrizia della città di Benevento, riconosciuta nobile dalla Regia Commissione dei titoli nel 1847. Altro ramo di chiarissima nobiltà. Antica famiglia di Barletta, Giovan Battista maestro d'armi di Lodovico compagno di Ettore Fieramosca alla disfida di Barletta, Francesco eroe della rivoluzione Napoletana nel XVIII secolo. Che i membri della famiglia Musta siano noncuranti delle cose volgari, ripromettendosi dalle sole loro energie la dovuta ricompensa, lo provano i documenti fino ad oggi conosciuti l'enciclopedia storico-nobiliare italiana di Vittorio Spreti che ne ha raccolte le tracce lasciate dalla famiglia in quelle città ove ebbe dimora ricoprendo cariche legislative, militari o altro, contribuendo non poco alla riuscita di quei documenti utili alla scoperta di questa famiglia.

Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Musta

Familien-Wappen: Musta

Blasonierung die Familie

Inquartato d'oro e di azzurro.
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome