Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origem do sobrenome Nalbini, país de origem: Italia

Nobreza: Conti - Nobili
Heráldica da família: Nalbini
Coroa de nobreza Nalbini
Famiglia della contea di Nizza e propriamente di Villafranca, distintasi nella marineria militare sarda e italiana. Da Giovan Battista, capitano di vascello, nacque nel 1780 Giuseppe, che già al 1790 prendeva parte alle operazioni contro Tolone. Passò coi suoi sovrani, durante l'occupazione francese, nell'isola di Sardegna, ove si illustrò con una bella fazione contro i barbareschi, presso il capo Bon (1808). Contrammiraglio nel 1838, comandò l'armata sarda contro l'Austria (1748-49). Vice-ammiraglio (1849) fu fatto Conte, dal re Vittorio Emanuele II (3 aprile 1850) e poi senatore. Andato a riposo il 1859, morì poco di poi a Spotorno (31 luglio 1859).... Continua
Due figli di lui, Giovan Battista e Augusto, furono parimenti ammiragli, Giovan Battista (nato 20 sett. 1812) partecipò alla campagna navale in Adriatico del 1848. Da capitano di vascello dette belle prove di bravura nell'attacco ad Ancona (1860); da ammiraglio comandò la squadra italiana che con quella francese proteggeva il bel di Tunisi contro i ribelli (1864). Fu alla giornata di Lissa (1866), ma la sconfitta dell'ammiraglio in capo Persano, fu da molti attribuita alla inesplicabile inazione di lui: venne perciò collocato a riposo (1867). Morì in Cassano Spinola (14 ag. 1876). Augusto (nato 30 luglio 1830) fu col padre nella campagna adriatica del 1848 e poi in quella di Crimea (1855-56). Si segnalò nella navigazione oceanica della fregata Beroldo, salvando la vita di tre marinai caduti in mare nelle acque di Mozambico (1857), e nelle imprese di Ancona (1860) e di Gaeta (1861). Motto della famiglia: Ad alto omnia. Altro ramo. Questa famiglia cittadina originaria veneta, trae origine da un Simone Nalbini, che viveva nella Dominante nei primi del 1500. I fratelli Bartolomeo ed Antonio, di Maffio il 13 settembre 1696 venivano investiti dalla Rep. ven. di parte del feudo nobile, retto e legale della villa di Scodovacca nel Friuli, chiamata anche Albina, con giurisdizione civile e criminale e di esso fu reinvestito Maffio, figlio di detto Bartolomeo, con ducali 8 agosto 1766 e 31 maggio 1787. Nel 1733, il 19 dicembre, il suddetto Bartolomeo chiedeva ed otteneva di venir aggregato col figlio Maffio alla nobilta' di Udine. Motto della famiglia: Semper alba. Et pietate.

Compre um documento heráldico sobre família Nalbini

Escudo da família: Nalbini

Brasão da família

Partito: d'azzurro e di rosso, colla campagna di verde, al gallo di argento beccato e membrato d'oro, crestato e barbato di rosso, ardito, afferrante colla zampa destra un teschio umano, colla sinistra un libro, l'uno e l'altro d'argento e caricanti la campagna, la testa del gallo caricante il campo azzurro, sormontata da tre stelle (6) d'oro, male ordinate.
Compre Escudo da família

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook