Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origen del apellido Nardini, país de origen: Italia

Nobleza: Nobili
Heráldica de la familia: Nardini
Corona de la nobleza Nardini Antichissima e nobilissima famiglia del Monte Feltro, che però ebbe le sue origini a Forlì dove nel secolo XIII era già ascritta tra le nobili. Riconosce suo capostipite Nardino, vivente sulla fine del secolo XIII e signore di Poggio Berni in Romagna, e della Rocchetta in quel di Fabriano nelle Marche. Roberto d'Angiò, re di Napoli, che lo apprezzò mentre era Vicario di Clemente V nelle Romagne, lo volle suo vicerè a Napoli: la famiglia Nardini vi ebbe stanza fino a che egli visse e cioè dal 1310 al 1317 circa: poi ritornò a Forlì. Carlo, fu prima monaco dell'Ordine... Continuará
Cistercense e Abbate di S. Celso in Milano e ne divenne poscia Arcivescovo; ivi morì nel 1461. Stefano, figlio di Nardino juniore e di Giulia dall' Aste nobile Forlivese, nella sua gioventù si diede all'arte militare servendo Francesco Sforza e l'Ordelaffi, signore di Forlì. Fu colto in letteratura e si diede al sacerdozio. Calisto III lo fè canonico di S.Pietro e molti onorifici e delicati incarichi sostenne per Callisto III, Pio II, Paolo II, Sisto IV. Morto lo zio Carlo, Arcivescovo di Milano nel 1461, egli fu innalzato a tale dignità, finchè nel 1473 Sisto IV lo creò Cardinale di S.Adriano prima, e poi di S. Maria in Trastevere, ma egli fu sempre chiamato il cardinale di Milano. Morì l'11 nov. 1484, e fu sepolto nelle Grotte vaticane dove vedesi tuttora il sepolcro. Fu grande amico e protettore della famiglia Malatesta e in specie di Roberto. Pietro Paolo, di Nardino, juniore fu capitano generale di S. Chiesa sotto Pio II. Morì il 6 luglio 1561 combattendo contro Sigismondo Malatesta nei pressi di castellone di Suasa. Cristoforo, di Nardino juniore, fu anche egli capitan generale di S. Chiesa sotto Sisto IV ed egli pure morì combattendo valorosamente il 4 sett. 1479, per un colpo di spingarda, a Colle di val d'Elsa, contro la lega. Egli fu conte di Carbognano e Vignanello. Ebbe per moglie Contessina Malatesta figlia di Sigismondo Pandolfo e sorella di Roberto il prode. Morto il Card. Stefano, i Nardini furono perseguitati da Innocenzo VIII, e benchè Alessandro VI li ritornasse in grazia, si allontanarono da Roma e vennero a fissare la loro dimora nel Feretrano sul fiume Marecchia. Dal conte Cristoforo in poi, i Nardini portarono sempre il titolo comitale: gli attuali rappresentanti stanno facano di Francesco Maria della Rovere, duca di Urbino.

Comprar un documento heráldico de Nardini

Escudo de la familia: Nardini

Escudo de la familia Nardini

1 Blasòn de la familia Nardini

Partito: nel primo trinciato: a) di azzurro a tre stelle d'oro (6) poste nel senso della trinciatura; b) fusato in banda di nero e di argento, il tutto abbassato sotto il capo d'Angiò; nel secondo di azzurro a tre piante di nardo nodrite nella pianura erbosa accostate da un leone rampante, il tutto al naturale, e sormontato da tre stelle d'oro (6) ordinate in fascia.

Citato in "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI" vol.4.

Escudo de la familia Nardini (Forlì)

2 Blasòn de la familia Nardini (Forlì)

Trinciato d'azzurro, a tre stelle d'oro ordinate in banda, col capo d'angiò, e fusato in banda di nero e d'argento.

Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. secondo, pag. 196, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1890.

Escudo de la familia Nardini

3 Blasòn de la familia Nardini

D' azzurro al leone rampante rivolto accostato da tre piante di nardo nodrite nella pianura erbosa, il tutto al naturale, e sormontato da tre stelle d'oro (6) ordinate in fascia.

Citato in "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI", suppl.2°.

Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome