Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origen del apellido Negro, país de origen: Italia

Nobleza: Nobili
Heráldica de la familia: Negro
Corona de la nobleza Negro Questa famiglia, sembra provenire da Portovenere: un Manfredo avrebbe per primo usato il cognome. Ebbe due figli Guglielmo e Giacomo, dai quali discesero tutti gli altri. Il canale (Nuove Istorie della Reppubblica di Genova, vol. I) dubita di questa origine e cita un Guido, testamento in una donazione (1080), Guglielmo e Baldissone che pagano terratico all'arcivescovo (1119) e decime (1146), Alberto e Giovanni, feudatarii nel patto dei feudi; Ansaldo e Giovanni, annoverati tra i visconti nel pedaggio di Gavi (1236); egli arguisce che i Di Negro siano rami d'origine visconti insieme agli Embriaci, dei quali varii individui nel secolo XIII... Continuará
aggiusero il cognome Negro. In Genova i Di Negro formarono albergo che continuò a sussistere colla riforma del 1528; ebbero dimora a Banchi ove ancora, nel vicolo De Negri, sono visibili le loro case medioevali con torre mozza; nelle vicinanze sorgono pure la chiesa di S. Raffaele per loro gentilezza. Nel secolo XV altre famiglie (Salice, Della Croce, Ferexeti, Novelli, Retagliati, Panigarola, Mussi, Centola, Lucii) per ragioni commerciali adottarono lo stesso cognome formando un albergo distinto dal primo: dalla loro stanza presso la cattedrale si chiamarono i Dinegro "di S. Lorenzo". Dei Musso, un Opizo fu console del Comune (1120-21), un Balduino dei Placiti (1209-11), dei Croce un Ottobono fu console del comune (1208). L'unico ramno iscritto nell'El. Uff. Nob. proviene da Daniele I, della Croce (secolo XIV) attraverso Giovanni, Lorenzo, Giovanni, Lorenzo, Niccolò, Lorenzo, Luciano, Lucio, Lorenzo, Bartolomeo, Pietro, Visconte, Giovanni (ascritto Nobiltà genovese 20 maggio 1768), Carlo Niccolò fino a Domenica, patrizio genovese (m.), dottore in medicina e chirurgia, custode della casa di Mazzini, il quale, morto nel 1928, ha lasciato un a figlia. Non è escluso esistano altri rami fino ad ora non riconosciuti. I più degni nella storia politica e militare sono oltre ai suddetti: Guglielmo, console dei Placiti (1130, 36, 38, 40, 48, 51) , ed del Comune , Giovanni che imprestò somme al Re Barisone di Sardegna (1164), Ansaldo, console dei Placiti (1174); Oberto, console dei Placiti (1175, 80, 86, 89, 97) ed ambasciatore al Re del Marocco (1191); Ottone, console del Comune (1189); Guglielmo, console dei Placiti (1187, 99), del onsigliere, ambasciatore a Pisa (1218); Ansaldo, di Enrico, fu inviato al conte di Ventimiglia (1220) fu degli otto nobili del podestà, pacificò tumulti (1227), tra gi ambasciatori a Federico II (1231), a Ferdinando re di Siviglia (1249); Otto interviene quale teste in otto di investitura a Lanfranco di Carmandino, da Andrea, marchese di Massa (1228); Niccolò andò a prendere possesso di Ventimiglia (1222) e fu ambasciatore e Federico II (1238).

Comprar un documento heráldico de Negro

Escudo de la familia: Negro

Escudo de la familia Negro (di) (Genova)

1 Blasòn de la familia Negro (di) (Genova)

D'argento, a tre gigli d'azzurro, 2 e 1, col capo dentato di rosso. Cimiero: una giovane ignuda e scapigliata, nascente.

Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. secondo, pag. 203, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1890.

Escudo de la familia Negro (Venezia)

2 Blasòn de la familia Negro (Venezia)

Partito d'azzurro e d'argento, alla fascia di verde attraversante; accompagnata da quattro gigli dell'uno nell'altro.

Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. secondo, pag. 203, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1890.

Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2015 - 2016 Heraldrys Institute of Rome