Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origen del apellido Neta, país de origen: Italia

Nobleza: Baroni
Heráldica de la familia: Neta
Corona de la nobleza Neta Antica famiglia del Trentino, con residenza nella città di Rovereto. Suddetta famiglia è originaria di Tierno, la si trova stabilita in Bretonico fin dal 1477, e quindi in Rovereto, dove fu portata nel 1500 da Alvise, dottore e notaro imperiale, il quale nel 1517 fu ascritto a quel patriziato. Guglielmo, nel 1434, aveva comprato dai Veneziani il castello e le decime di Chiozzola; Francesco fu castellano e governatore di Parma nel 1571; Bartolomeo, ed Alvise, suo nipote, furono capitani in Fiandra sotto Alessandro Farnese; Giulio, fratello di Alvise, podestà di Novara; Ottavio segretario dell'Imperatore Rodolfo II; Paolo podestà di Casalmaggiore.... ContinuaráQuesta famiglia fu fregiata del titolo baronale. Inoltre, la presenza del motto nella bibliografia documentata della famiglia ci conferma l'avita nobiltà raggiunta della casata. Infatti l'origine del motto risale a circa il XIV secolo e deve essere ricercata in quei detti arguti che venivano scritti sui vessilli o bandiere dei cavalieri, esposti alle finestre delle locande in cui questi alloggiavano, in occasione dei tornei, e durante i tornei stessi. Il motto era un pensiero espresso in poche parole facente allusione a un sentimento palese o nascosto, a una qualità, a un ricordo storico, per stimolo al coraggio o onore. Era scelta dal capo della famiglia, dal cavaliere entrante in lizza o data dal sovrano al proprio uomo ligio. Motto della famiglia: Bene docet.
Comprar un documento heráldico de Neta

Escudo de la familia: Neta

Blasòn de la familia

Di rosso a tre facie d'argento.
Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome