Heraldrys Institite of Rome
Italiano english english Español Português Português Deutsche

Origen del apellido Noris, país de origen: Italia

Nobleza: Conti - Nobili

Escudo y Blasòn de la familia Noris:
Troncato: al primo, d'oro all'aquila coronata di nero; al secondo, d'azzurro alla nave di un albero, sinistrata in alto da una stella (6) il tutto d'argento, colla fascia dello stesso attraversante sulla troncatura.

Escudo y Blasòn de la familia Noris

Il celebre cardinale Enrico nacque nel 1631, e vestendo l'abito claustrale, sotto la regola di Sant'Agostino, abbandonò il nome Girolamo assunto col battesimo. Coperte varie cattedre di teologia nel proprio Ordine, Nando II Granduca di Toscana, che lo destinò professore di Storia Ecclesiastica nell'università di Pisa. Passato a Roma nel 1700, ebbe l'incarico di biblioteca nella Vaticana, essendo già stato cardinale nel 1695. Morì il 23 febbraio 1704. La sua ...continua

storia della eresia Pelegiana, che gli provocò nemici ed inquisizioni sulla purità dei principi religiosi è ripetuta modello per la vasta eruduzione e per la sana critica che la correda. Nel 1697 i veronesi credettero di tributare merito alla vera e solida del cardinale, annoverando fra i nobili il nipote di lui, Cesare Noris. Alessandro, Antonio ed Enrico di Alessandro furono confermati nella nobiltà con S. R. A. 4 settembre 1818. Con D. M. giugno 1899 vennero riconosciuti i titoli i nobile (mf.) e di conte (m.) per lungo uso e pacifico possesso. Altro ramo. Aggregata al corpo nobile di Verona fin dal 1697 nella persona di Cesare N. nipote del celebre Cardinale Enrico, fu confermata nella sua nobiltà con sovrana risoluzione 4 Sett. 1818. Altra famiglia: consorte dei Noris di Gandino e della quale entrò nel Consiglio di Bergamo Nicola nel 1744 e vi durò fino al 1777. Nel 1668 per decreto del Senato Veneto ebbero il titolo dei conti di Marengo ove possedevano beni e così a Fontanella ed in altri luoghi del Bergamasco. A Gandino avevano un palazzo. Furono dallo stesso Senato aggregati al Patriziato Veneto e successivamente creati nobili di Ungheria e nel 1678 Conti del Sacro Romano Impero. Ottennero nel 1817 la conferma dell'avita nobiltà e del titolo di Conti dell'Impero Austriaco e da Francesco I il titolo di Principe. Personaggi noti furono Gualtieri, capitano di cavalleria nell'esercito dell'Imp. Carlo V; Vincenzo nel 1620 famigliare cesareo; Giovanni Andrea barone di Telvana, Signore della Petra, commissario generale dell'esercito imperiale nella lotta sul Reno contro i francesi. Ebbe due procuratori di S. Marco, tre podestà di Crema, un Federico vescovo di Chioggia e che fu poi eletto Patriarca di Venezia nel 1776. Motto della famiglia: In deo spes.
Aviso Importante: Le informamos de que toda la información disponible son sólo una pequeña parte de la base de datos-es una respuesta automaticos no forma parte de una investigación. Si usted realmente desea tener información más completa y por favor, eche un vistazo a nuestra página productos. Para cualquier información adicional, por favor no dude en ponerse en contacto con nosotros.
© 2013 - 2014 Heraldrys Institute of Rome