Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Herkunft des Familiennamens Paladinio, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Conti - Nobili - Patrizi
Heraldik die Familie: Paladinio
Krone des Adels Paladinio Antica famiglia. Il commendator G.B. di Crollalanza riporta la blasonatura di questa famiglia nei volumi del suo Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane. Alla famiglia è stato riconosciuto il titolo di patrizi. Altro ramo. Antica e nobile famiglia originaria della Sicilia. Altro ramo. Originaria di Francia dove si recarono in Terrasanta al tempo delle prime Crociate, e poi vennero in Sicilia, indi a Napoli, alla cui nobiltà furono aggregati al seggio di Montagna. In seguito si recarono in Abruzzo dove presero posto fra le più antiche ed illustri teramane, e possedettero nelle vicinanze di Teramo fin dal... Fortsetzung folgt
principio del XIV secolo i feudi di Caraccio, Caprificio, Tessano, Leognano, Catignano, Leonessa, S. Angelo, Poggio, Fornarolo ed altri. Per le turbolenze seguite in Teramo nel 1408, questa trasmigrò dopo la uccisione del duca d'Asti, cui avea preso parte, in Lecce, ove ora fiorisce tra le più cospicue col titolo di conti di Lizzanello, feudo presso quella città acquistato nel secolo XV, al quale aggiunse poi le signorie di Campi, Melundugno, Salice, Guagnano, Afra, Serrano, Fornello, Persano, Carmignano. Tramacere, Barbarano, Bagnara, Sulbole, Massima, Sava, Capriglia ed altre. Ponzio, commilitone e socio del Conte di Tolosa nella prima Crociata, morì colle armi in pugno sotto le mura di Acri; Everardo I, governatore di Lecce e Taranto, e vicario generale della Regina nel 1427; Bernardino nel 1480 combattè contro i Turchi ad Otranto presso la persona di Alfonso d'Aragona; Everardo II all'assedio di Monopoli col Marchese del Vasto, in Toscana con Fabrizio Maramaldo, e morì colpito da una palla da cannone a Volterra; Giacomo nei primi anni del XV secolo fu successivamente vescovo di Monopoli, di Taranto, di Firenze e di Spoleto, ed autore della famosa e strana opera intitolata Belial; e Carlo cavaliere gerosolimitano nel secolo XVI che perì gloriosamente all'assedio di Malta.

Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Paladinio

Familien-Wappen: Paladinio

Blasonierung die Familie

D'azzurro alla fascia d'argento accompagnata in capo da un giglio ed in punta da una colonna troncata, il tutto dello stesso.
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook