Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origen del apellido Paleria, país de origen: Italia

Nobleza: Nobili
Heráldica de la familia: Paleria
Corona de la nobleza Paleria
Da alcune cognizioni, e in particolare dal pronome di Publio si tiene per certo, secondo la regola apportata delle case latine di chiamarsi con il nome di quel personaggio più grande, come fu P. V., abbino i suoi successori, come sono stati Elbj; preso da questo grand'Huomo il pronome; ed il nome di Elbio in memoria de' Regi Toscani; poiche il suddetto Publio fu il primo Console, che trionfasse in Roma, il quale si chiamò poi Publicola, essendo stato per quattro volte Console, oltre che il Panuino; pone tra le famiglie Consolari dopo la guerra Sabina, uscite dalla Toscana, la... Continuará
V., nella cui guerra ebbero la maggior parte di Roma i Toscani, ed essa fu fatta Romana insieme con la Celia; onde non è maraviglia, che questa sia consorte con l'Elvia; e che questa nel tempo degl'Imperatori portasse il suo antico pronome da Publio in memoria del suddetto Publicola; e per conservamento del Regio sangue Etrusco quelle d'Elbio. Anzi si può dire senza controversia Aretino; poi che si legge una iscrizzione in antico marmo, benche sia in fragmenti, nella facciata dell'audienza delle Monache di S. Benedetto d'Arezzo. Il suddetto Publicola ebbe pure per fratello quel M. V., che fu creato Console con P. Postumo nel 3464 e del 249. di Roma; i quali vinsero i Sabini, e Publicola successe al fratello per la quarta volta nel Consolato, che oltre l'avere vinti i Sabini, prese anche la Città di Fidena. Del 3049. che fu di Roma del 294. fu fatto Console P. V. Publicola il giovane. E del 3514. e di Roma 296. fu fatto Questore M. V., e del 298 fu Console, e fu padre di quel L. V. Potito, che estinte con la sua prudenza, e valore le guerre civili di Roma; per il che meritò di essere del 305. che fu il 3520. del Mondo Console con M. Orazio. Del 339. fu creato tribuno militare C. V. Potito, e l'anno seguente gli successe nella medesima dignità L.V. Potito, al quale fu conferita anche nel 3568. che fu di Roma 353. come pure del 356. che furono tutti patrizj. Del 3573. che fu di Roma del 359. fu tribuno M. V. Massimo, a cui successe in tetta dignità V. Publicola. Del 3581. che fu di Roma 366. fu insignito della medesima dignità, ed officio Au. V.Publicola. Del 3583 che fu di Roma 368. fu creato pur tribuno con la potestà Consolare L. V. Publicola, nella quale gli successe P. V. .Nel 3619. eo Romano di battersi seco a corpo a corpo, al cui coraggio ben rispose M. V. giovane di molta stima , e di spirito grande, esercitandosi da esso nella sua armata, la carica di Tribuno militare, ed attaccatasi da loro la pugna, un Corvo venne a posarsi sopra l'elmo di V., e d'indi sopra il Gallo, che lo ferì, e col beeco, e con l'unghie; ed atterratosi poi da V. il Gallo, fu sempre detto V. Corvino; per il cui vittorioso fatto, fu dal Senato creato, benche in età di 23.

Comprar un documento heráldico de Paleria

Escudo de la familia: Paleria

Blasòn de la familia

D'argento spaccato alla croce di rosso, al capo all'aquila spiegata di nero.
Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome