Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origen del apellido Palermo, país de origen: Italia

Nobleza: Nobili - Baroni - Marchesi - Principi
Variaciones apellido: Di Palermo
Heráldica de la familia: Palermo
Variaciones apellido: Di Palermo
Corona de la nobleza Palermo Antica ed assai nobile famiglia, originaria di Scicli, la quale ha goduto chiara nobiltà in Palermo, Messina e Sciacca e la quale possedette il principato di Santo Stefano o Santa Margherita, il titolo di marchese e le baronie di Bulgarano, Canalotto, Castelluzzo, San Giuseppe, San Leonardo, Martini, Scirinda, etc. Tal casato, inoltre, nel corso dei secoli, sempre riuscì a distinguersi, grazie agli elevati personaggi, a cui diede i natali. Tra questi, senza nulla levar al valore degli omessi, ricordiamo: Enrico, che, il 9 dicembre 1282, fu nominato, da re Pietro, notaio dell'isola di Malta; notar Andrea, da Aidone, che possedette... Continuarásotto re Ludovico il feudo Rabiato; Niccolò Andrea, il quale acquistò il feudo di Bulgarano e ne fu investito il 13 settembre 1516 e il 26 marzo 1517; Francesco, che, con privilegio del 21 giugno 1638, ottenne il titolo di barone di San Giuseppe e con privilegio del 19 ottobre 1644 quello di barone di San Leonardo e con un altro del 5 aprile 1645 quello di barone di Canalotto; Antonio, il quale fu giudice pretoriano in Palermo negli anni 1677-78, 1692-93, giudice della Gran Corte Civile del Regno nel 1683 e di quella Criminale nel 1693; forse egli stesso fu quell'Antonino che acquistò il feudo Gallitano del quale ebbe investitura il 27 agosto 1685; Cesare, che fu barone di Castelluzzo per investitura del 20 luglio 1699, baronia che lasciò al nipote Giovanni, che ne fu investito il 3 settembre 1709; detto Giovanni, il quale fu pure barone di San Stefano e che, con privilegio dato in Madrid il 9 novembre 1708, esecutoriato in Messina l'11 ottobre 1709, ottenne il titolo di principe di Santo Stefano o Santa Margherita; Francesco, figlio del precedente, investito il 10 dicembre 1715, il quale morì senza figli e a cui succedette il fratello Tommaso, investito il 6 dicembre 1718; Giuseppe, dei principi di Santa Margherita, il quale fu cavaliere dell'Ordine di Malta, deputato di Sanità in Messina nel 1743 e che, con Regio Biglietto, dato in Napoli il 3 luglio 1745, esecutoriato in Palermo il 15 dicembre 1748, ottenne il titolo di marchese; Gerolamo, teatino, il quale fu vescovo di Mazzara, deputato del Regno, giudice del tribunale della Regia Monarchia, abate di Santa Maria di Terrana, vescovo di Laodicea e morì in Palermo nel 1777; Giuseppe Giovanni Palermo e De Gregorio, di Tommaso, il quale acquistò la terra di Martini con mero e misto imperio e ne fu investito il 16 marzo 1759, e che il 20 agosto 1757 aveva ottenuto investitura del principato di Santa Margherita e della baronia di Castelluzzo; Tommaso Palermo e Sollima, già Senatore in Messina, il quale, il 26 novembre 1804, ottenne investitura dei titoli di principe di S. Margherita, barone di Castelluzzo, barone di Martini; Gaspare, dei principi di Santa Margherita, che fu cavaliere dell'Ordine di Malta, rettore dell'Opera di Navarro, governatore del Monte di Pietà di Palermo nel 1795-96, deputato del Regno nel 1798, senatore di Palermo negli anni 1795, 1796, 1811 e autore di una pregevole Guida di Palermo. La famiglia levò per arme. Partito: nel 1° d'oro al il grifone rampante d'azzurro, sormontato da un lambello di rosso di tre gocce; nel 2° d'azzurro al leone illeopardito d'oro, sostenente sul dorso un giglio d'argento. Cimiero: l'aquila nascente spiegata di nero, imbeccata e coronata d'oro. Altro ramo. Antica famiglia calabrese, iscritta nella nobiltà di Monteleone, oggi Vibo Valentia e riconosciuta, con D. P. del 13 maggio 1927, col titolo di nobile di Reggio Calabria. Tal famiglia, la quale risulta iscritta nel Libro d'Oro della Nobiltà Italiana e nell'Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano, anno 1922, levò per arme.
Comprar un documento heráldico de Palermo

Escudo de la familia: Palermo
Variaciones apellido: Di Palermo

Escudo de la familia Palermo (di)

1 Blasòn de la familia Palermo (di)

Partito: nel 1° d'oro, al il grifone rampante d'azzurro, sormontato da un lambello di rosso di tre gocce; nel 2° d'azzurro, al leone illeopardito d'oro, sostenente sul dorso un giglio d'argento. Cimiero: l'aquila nascente spiegata di nero, imbeccata e coronata d'oro.

Escudo de la familia Palermo (di)

2 Blasòn de la familia Palermo (di)

Partito: nel 1° d'azzurro all'aquila coronata di rosso; nel 2° d'azzurro alla palma sradicata al naturale.

Citato in "Nobiliario di Sicilia di Antonio Mango di Casalgerardo, 1915-1970" .

Escudo de la familia Palermo (di) (Calabria)

3 Blasòn de la familia Palermo (di) (Calabria)

Partito 1° d'azzurro ripartito di un filetto d'oro, al leone d'oro sormontato da un lambello di tre pendenti di rosso, al leone d'oro sormontato da un giglio d'argento, 2° troncato sopra di rosso a tre bottigliette d'oro poste 1,2, sotto d'oro a cinque bisanti di rosso posti 1,2,2.

Citato in "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI", vol V.

Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome