Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Herkunft des Familiennamens Palizza, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Conti
Heraldik die Familie: Palizza
Krone des Adels Palizza L'Inveges appoggiato al Fazello vuole questa famiglia di origine normanna, che Mugnos riporta cominciata da un Riccardo condottiero della cavalleria del duca Roberto Guiscardo nell'acquisto di Sicilia, imperocchè cacciati i Mori da Caltagirone a Militello e sgombrato quinci il territorio de' laghi Palici, i di lui figli per immortalarne la fama da' detti laghi presero il cognome. Il primo di essi Roberto fu straticoto di Messina 1115; locchè rilevasi da un privilegio in pergamena presso il cavaliere Vincenzo Rosso leontinese, riferito dal Naugeri e fra Simone da Lentini. Seguendo poi l'Inveges si trova degno d'onorata menzioine un Nicolò Paliazzi... Fortsetzung folgt

gran capitano sotto re Pietro I d'Aragona, pel di cui valore Messina assediata dalle armi angioine fu eroicamente difesa e quindi ei salutato venne padre della patria. Ebbe un fratello giusta Guarrasi a nome Lorenzo stabilito nel Monte San Giuliano, progenitore di quel ramo Palizzi, che in seguito fu chiamato Palizzolo, ed una sorella Giovanna madre di s. Alberto dell'ordine di Montecarmelo. Tra i personaggi illustri intanto si trovano: un Vinciguerra gran cencelliere del regno, signore di Camarata 1303, quale stato diè in dote all'unica sua figlia Macalda casata con Sancio d'Aragona; un Damiano gran cancelliere del regno, cappellano maggiore e ciantro della cappella reale, protonotaro logoteta e vicario generale del regno 1340, conte d'Asaro, e signore di Golisaro, esiliato, morto in Pisa 1348; un Matteo conte di Navara 1337, signore di Ciminna, Tripi, Saponare, Caronia colla foresta del feudo di Donato ne' territori di Castrogiovanni, maestro razionale e procuratore generale del r. Patrimonio, vicerè del regno di Sicilia 1352, usato avendo del dritto di coniar moneta colle armi proprie, celebre per essere stato a capo della fazione latina, che trionfante governò per qualche tempo sotto i reali aragonesi contro la catalana, e per la quale assassinato dal popolo in Messina finì con perdervi la vita insieme ad una parte di sua famiglia 1356; un Antonio canonico della cattedrale di Messina, che per la morte del padre conte Matteo mettevasi in possesso di tutti i paterni beni 1356; un Francesco conte di Capizzi bandito 1356 per aver congiurato contro lo zio Matteo, indi lo stesso anno reintegrato; un Ruggiero barone rocchè atteso i di lui gratuiti e segnalati servigi da re Alfonso eletto venne castellano di detta città 1456, come risulta da certificati della Cancelleria del Senato di Monte s. Giuliano, e da un diploma dii Carlo V imperatore dato in Bruxelles 1553, esecutoriato in Palermo 1554, in persona del regio milite e cavaliere aurato nobile Giovanni Antonio Palizzolo.


Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Palizza

Familien-Wappen: Palizza

Blasonierung die Familie

Di azzurro al tre bande di argento, ciascuno carica di tre stelle del campo.
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome