Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origin of last name Pallari, country of origin: Italia

Nobility: Nobili - Conti - Baroni
Heraldrys of family: Pallari
Nobility crown Pallari
Antichissimo ed assai nobile casato sicilia, la cui chiara origine catalana sembrerebbe provata dal fatto che il loro stemma è il medesimo dei Callar, o Descatllar, di Spagna, antica famiglia della contea di Barcellona feudataria del castello di Callar (o Catllar), presso Vilallonga de Ter. Le prime notizie relative alla famiglia Pallari si rinvengono nel 1282. Nell'opera "I raguagli historici del Vespro Siciliano", di Filadelfo Mugnos, infatti, viene menzionato un certo Arnaldo Callari, castellano di Vizzini, il quale organizzò, con l'aiuto di Luigi Passaneto, la rivolta dei Vespri Siciliani, in Vizzini, proprio nel 1282. Nella medesima opera, inoltre, compare Luigi... To be continued

Callari, eletto, dopo tale insurrezione, governatore di Siracusa. In ogni modo, il primo di tal famiglia che risulta citato in documenti ufficiali è un certo Ardoyno de Callaro, o de Callario, il quale figura come uno dei sei cavalieri domiciliati in Vizzini, i quali furono convocati da re Pietro III di Aragona, nel 1283. Lo stesso, poi, figura come giustiziere del Val di Mazara, al tempo di re Giacomo II d'Aragona, nel 1286-87. Ugolino Callari, citato come "unus ex magnis viris inter Siculos reputatus", fu conte di Licodia, barone di Callari e castellano di Noto. Federico III d'Aragona, nel 1299, gli concesse, infatti, Licodia col titolo di conte. Tuttavia, si ribellò a questi alla fine dello stesso anno consegnando Noto all'esercito di Roberto d'Angiò. Re Carlo II d'Angiò gli confermò quindi, con diploma dato a 28 dicembre 1299, il possesso di Licodia. Non riuscì tuttavia a conservare il dominio dei suoi feudi e la stessa baronia di Callari gli fu confiscata da Federico III d'Aragona. Federico Callari, di Enna, probabilmente figlio del detto Ugolino, marito in seconde nozze di Imperia, fu barone di Pasquasia e strategoto di Messina. Fedele al reggente, il duca Giovanni d'Aragona e avverso ai nobili che miravano a riportare gli esiliati Palizzi in Sicilia, venne assassinato nella rivolta organizzata a Messina dalla fazione che li sosteneva, nel settembre del 1342. Giovanni Callari fu barone di Granaro e forse, egli stesso, fu quel Giovanni fratello di Ugolino, castellano di Buccheri, che nel 1299 fu catturato nella battaglia di Capo d'Orlando e rilasciato poi da Ruggero di Lauria. Manfredi Callari, di Vizzini, fu, infine, il primo barone di Reburdone (feudo presso Vizzini). Risulta morto prima del 1340, data in cui è attestato come suo erede Arduino. A quest'ultimo successe Manfredi, marito di Violante, fratello di Federico e padre di Giovanni, che risulta barone di Reburdone nel 1408. Fece testamento nel 1414. La baronia di Reburdone passò successivamente alla famiglia Guttadauro. La famiglia levò per arme. D'oro al castello d'azzurro. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.


Buy a heraldic document on family Pallari

Coat of Arms of family: Pallari

Blazon of family

D'oro al castello d'azzurro.
Buy Coat of Arms of family

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome