Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Herkunft des Familiennamens Palori, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Nobili - Conti - Signori - Cavalieri
Heraldik die Familie: Palori
Krone des Adels Palori Antica ed illustre famiglia, di origine spagnola, originariamente detta Calor, trapiantatasi in Modena, nel 1120, con un Diego, del fu Pietro, ove fu detta Calori o Palori. Tal casato, inoltre, dette alla patria moltissimi consoli, priori dell'Ordine dei Conservatori, occupando sempre le più alte cariche della città. Un Giovanni venne creato Conte Palatino da Leone X; un Bartolomeo, il 21 Gen. 1540, ottenne, per sé e per i suoi discendenti, dal duca Federico Gonzaga, la nobiltà di Mantova e nel 1649 Carlo Francesco la cittadinanza bolognese. Il conte Giuseppe, inoltre, ebbe nobiltà anche in Ferrara. La presenza del motto, inoltre,... Fortsetzung folgt

nella bibliografia documentata della famiglia, ci conferma l'avita nobiltà raggiunta della casata. Motto della famiglia: In tenebris tamen absque tenebris. Altro ramo. Nobile famiglia piemontese, detta Calori o Palori, con residenza in Asti; ivi, infatti, fu console un Gualfredo, nel 1161, e consiglieri Rolando ed Obertino, nel 1190, e Oggero, nel 1217. Trapiantatasi in Casale, Giovanni Maria fu presidente del senato ducale nel 1650 e Antonio governatore nel 1698. Acquistò la contea di Vignale e fu signora dell'altra di Montemagno, di cui fu investito Antonio, nel 1659, ministro di stato a Mantova. Giulio Cesare ebbe, inoltre, il feudo di Frassineto. Altro ramo. Antica famiglia veneta, di chiara ed avita virtù, propagatasi, nel corso dei secoli, in diverse regioni d'Italia. Inoltre, verosimilmente, tal casato, al dir di illustri genealogisti, ottenne il cavalierato, dal Senato della Serenissima Repubblica di Venezia, in ricompensa dell'impresa, cui parteciparono un Giulio ed un Lamberto Palori, nel 1447, compiuta con il respingere le truppe dell'arciduca d'Austria Sigismondo, aldilà dei confini della Repubblica. Ma, d'altronde, tal famiglia sempre riuscì a distinguersi, grazie agli elevati personaggi, a cui diede i natali. Tra questi, senza nulla levar al valore degli omessi, ricordiamo: Giorgio, soldato di ventura al servizio della Serenissima, vivente nel 1569; Filippo, consigliere del Veneto Senato, vivente nel 1666; P. Rodolfo, di Venezia, dell'Ordine dei Predicatori, uditore e preposito del suo ordine, vivente nel 1702; Giacomo, medico e saggista, vivente in Venezia, nel 1722; Luigi, dottore "in utroque jure", vivente in Padova, nel 1723; D. Michele, canonico, teologo e commissario apostolico, vivente in Milano, nel 1735; Adalberto, dottore in Sacra Teologia e lettore di Filosofia, vivente in Venezia, nel 1742; Gerardo, consigliere della Serenissima, vivente nel 1757; Cav. Bartolomeo, notaio e consigliere in Venezia, vivente nel 1782. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.


Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Palori

Familien-Wappen: Palori

Blasonierung die Familie

D'azzurro al leone illeopardito d'oro accompagnato da nove stelle (5) del medesimo ordinate in cerchio. Elmo coronato. Cimiero: un leone nascente d'oro.
Fonte bibliografica: "Armorial Général par J.B.Rietstap - Deuxième èdition refondue et augmentée - Tome I A-K" p. 356/div>
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome