Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origem do sobrenome Paracini, país de origem: Italia

Nobreza: Conti - Nobili
Heráldica da família: Paracini
Coroa de nobreza Paracini Discendenti da nobile famiglia senese, si trapiantarono nel Trentino verso la fine del XIII secolo, e si trovano nel 1402 a Trento come cittadini e notai in persona di Guglielmus notarius f. q. ser Pauli, e del figlio di costui Melchior stazionerius Saracenus. Godevano dell'appellativo di nobiles già nel 1449, ma non si sa se in riconoscimento della loro nobiltà senese, oppure se in seguito a diploma andato smarrito. Nel 1502 Francesco e Costantino, figli di Sigismondo, patrizio di Trento, comperarono la Torre franca di Martarello. La famiglia ebbe poi un periodo di prosperità durante il secolo XVII; si imparentò... Continua
con le principali nobili del paese quali i Fels, i Trapp, i Piccolomini, e si distinse con Carlo Mattia, console di Trento dal 1668 al 1672, consigliere e oratore dell'imper. Leopoldo I, poeta e scrittore. Egli cooperò alla fondazione dell'Accademia degli Accesi alla quale prese parte attiva con il nome di "Ravvivante" e nell'anno 1689, a nome del cognarto Antonio del Monte, signore di Belfort, confermò la carta di regola del paese di Andalo. In seguito a testamento dello zio Antonio e Leonardo, per accordo di famiglia, firmato il 24 giugno 1699, ebbero come feudo pignoratizio la giurisdizione di Belforte, con Andalo e Molveno; questa venne riconosciuta loro anche dall'imper. Leopoldo I e cambiata in feudo maschile. Con diploma dato a Vienna, il 30 settembre 1731, l'imperatore Carlo VI concedeva ai dinasti di Belfort Leonardo, Sigismondo e Gaetano, il titolo di conte, in considerazione della nobiltà della famiglia e del loro carattere di giurisdicenti. Il 13 aprile 1742 Maria Teresa infeudava di Belforte, Bartolomeo e Antonio, i quali ebbero a sostenere una lunga lite con il conte Felice Spaur che pretendeva di avere dei diritti sulla giurisdizione. Questi ricostruirono con grande magnificenza il cadente castello di Belfort nonchè un palazzotto a Molveno come sede della giurisdizione, che venne abolita nel 1824. Nell'anno 1790, il 3 agosto, la linea cadetta ebbe da Carlo Teodoro, elelttore di Baviera, il titolo di conte del S. R. I. col predicato di Belfort. La famiglia è iscritta nell'Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano col titolo di conte dell'Impero Austriaco (mf.), in persona di Paride, di Guglielmo, di Leonardo, nato a Vienna, 31 dicembre 1872itto.

Compre um documento heráldico sobre família Paracini

Escudo da família: Paracini

Brasão da família

D'azzurro a tre teste di leone al naturale poste 2 e 1.
Compre Escudo da família

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome