Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Patalani, provenienza: Italia

Titolo: Baroni - Nobili - Signori
Araldica della famiglia: Patalani
Corona nobiliare Patalani
Nel repertorio del cav. Iacovacci è ricordato Pietro Catalano nel 1475. Era figlio di Diego, ciò che fa supporre l'origine catalana della famiglia. Nel 1488 viveva Giovan Battista de Catalani, fratello di Sofia e figlio di Nardo macellaio e nel 1493 magister Antonius, figlio di Iacopo Marco Catalani. L'ultimo menzionato è il rev. Padre don Giovanni Battista nel 1518. Altro ramo. Antica e nobile famiglia di Saluzzo. Furono consignori di Barge. Il commendator G.B. di Crollalanza riporta la blasonatura di questa famiglia nei volumi del suo Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane. Altro ramo. Derivano dai Malavolta;... Continua
e prima di esser detti catalani dal nome di uno di loro, erano chiamati di Guido di Madonna d'Ostia e altresì d'Ostia. Questo Guido fu console di Bologna nel 1208. Enrico suo figlio fu bandito dalla patria nel 1234 allorchè per omicidio venne proscritto Alberto Lambertazzi, benchè i Catalani fossero Geremei, ed appartenne all'Ordine dei Gaudenti. Catalano, che Dante relegò nella bolgia del'ipocriti, resse in qualità di pretore e di podestà nove città; fu compagno di Loderingo nella fondazione dell'Ordine dei Gaudenti e ne fu definitore nel 1268. Guglielmo e Bartolomeo capitani di milizia. Altro ramo. Originaria della Catalogna, ebbe la baronia di Teulada, e si spense in Maria Grazia baronessa di Teulada che sposò Giambattista Sanjust dei Conti di S. Lorenzo.
Compra un documento araldico su Patalani

Stemma della famiglia: Patalani

Blasone della famiglia

Spaccato in capriolo d'azzurro e d'oro.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome