Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Herkunft des Familiennamens Patti, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Baroni - Nobili
Nachname Variationen: Pati - Pattis
Heraldik die Familie: Patti
Nachname Variationen: Pati - Pattis
Krone des Adels Patti Nobile famiglia messinese. Un Pellegrino, messinese fu vice maestro giustiziere e protonotaro del regno e il 13 settembre 1325 ottenne concessione delle Foreste di Troina; un Ansaldo è annotato nel ruolo dei feudatari del 1343 per due cavalli e mezzo; un Matteo fu giurato di Caltagirone nel 1389; un Niccolò fu capitano della terra di Scaletta e dei casali di Attilia e Guiodomandri sotto i Martini; un Giovanni il 25 aprile 1396 ottenne conferma della baronia di Placabianca; un Tommaso fu capitano di giustizia di Salemi nel 1413; un Giulio fu senatore di Messina nel 1416-17; un Giovan Matteo tenne... Fortsetzung folgt
la stessa carica in detta città e il 29 gennaio 1444 e l'8 febbraio 1453 ebbe investitura della baronia di Placabaiana; un Eufemia il 28 marzo 1447 ottenne conferma del feudo Massaria e Critti e sposò Giovanni Balsamo; un Biagio fu senatore di Messina negli anni 1510-11. 520-21 e 1529-30. 32-33, il 17 agosto 1518 ebbe investitura della baronia di Placabaiana ed ebbe una figlia, Sicilia, investita di detta baronia il 22 novembre 1521 e moglie a Bernardino La Rocca; un Bartolomeo fu senatore di Messina negli anno 1558-59, 64-65 e il 1 novembre 1579 ebbe investitura della baronia di Linguaglossa e fu ascritto alla Mastra Nobile del Mollica insieme con Girolamo ed Ansaldo; un Andrea fu senatore di Messina nel 1573-74 e tale carica tenne un Onofrio nel 1576-77. Altro ramo. Famiglia di antica e chiara nobiltà della città di Messina, dice Mugnos, originata da Anfusio cavaliere greco, signore del castello di Sterope, il quale nell'anno 892 ivi fortemente dall'Almirante de' Saraceni assediato si arrese a patti, che non furono poscia mantenuti. "Epperò l'Anfusio, ciò prevedendo, ricevuto aveva- sottolinea il suddetto Mugnos- in ostaggio il figlio del principe saraceno Vendecair; ed uscito co' suoi da quel forte, giusto nel sito ove è oggi la città di Patti (talvolta detta Patti), venne da quei barbari assalito; del che bravamente difendendosi nell'ira strangolò il giovine ostaggio a vendetta de' non osservati patti. Ei fuggì ricoverandosi entro una fortezza, ma raggiunto infine fu da essi barbaramente ucciso. Quel sito, come dicemmo, venne a concorrenza de' Saraceni estesamente edificato e quindi a perpetua memoria di tal vendetta chiamato de' Patti o Patti. la città poi si accrebbe per le rovine dell'antica Tindaride, e dell'antica Steropesola di Sicilia; un Riccardo straticoto di Messina 1137; un Luzio uno de' capi congiurati del Vespro, ricevuto avendo la sovraintendenza delle città di Naro e Girgenti, perlocchè unitamente ai suoi due figli Giannicolò e Pellegrino da Federico II 1325 fu creato barone".

Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Patti

Familien-Wappen: Patti
Nachname Variationen: Pati - Pattis

Familien-Wappen Patti, Patti d'Alcamo, Patti di Piraino, Pattis, Pati

1 Blasonierung die Familie Patti, Patti d'Alcamo, Patti di Piraino, Pattis, Pati

Troncato di rosso e d'oro, ad una sbarra d'azzurro attraversante sulla partizione. Corona di barone.

Citato in "Nobiliario di Sicilia di Antonio Mango di Casalgerardo, 1915-1970" .

Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome