Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Paveglio, provenienza: Italia

Titolo: Nobili
Araldica della famiglia: Paveglio
Corona nobiliare Paveglio
Designati nei cartari e regesti con grafie differenti: Paveglonus, Pavellonus, Pavelionus, Paveglione, presenti in Tortona sin dal XII sec. se ne ignorano le origini: un Guglielmo è teste in atto dell'11 giugno 1170 con cui i consoli tortonesi condannano i Lito a riconoscere una vigna loro accensata dalla chiesa di S. Marziano; Nicola il 9 dicembre 1201 depone a favore dei canonici della città in merito a proprietà contestate di quest'ultimi; consoli e consiglieri, tra cui Gugliemo, il 12 e 17 marzo 1218 partecipano alla stipulazione degli accordi tra i comuni di Tortona e Genova giurandone l'osservanza; alla Credenza,di cui... Continua

era membro, Giovanni il 16 maggio 1224 delibera in merito alla somma di lire mille che i consoli di T. s'impegnano versare al marchese del Bosco a saldo dell'acquisto del luogo omonimo; Tedisio, consigliere il 6 gennaio 1235 nomina Latelmo di Casei a procuratore del comune di T. per la pace con Genova affidando allo stesso la scelta degli arbitri sulle questioni tortonesi; in località "Pratolongo" i P. posseggono beni, e Corradino è teste in atto del 6 febbraio 1239 relativo ad accensamenti ivi concessi a terzi dalla Chiesa di T.; Guilerio e Benedetto credendari, il 7 agosto 1241 deliberano in merito agli accordi che il comune di T. stringe con quello di Pontecurone. Nicola e Tedisio sono menzionati come proprietari confinanti nell'elenco dei beni acquistati dai già signori d'Arquata tra il 18 dicembre 1244 ed il 16 dicembre 1247 a norma della convenzione col comune di T.; detto Tedisio, Giovanni fu Guglielmo, Oglerio ed altro Giovanni tutti P. e consiglieri, appaiono in atto del 26 novembre 1245 con cui il comune di T. vende a terzi beni in Novi; il già citato più volte Tedisio, credendario, il 27 gennaio 1255 approva la cessione a Rufino Rovedo dei pedaggi di Tortona e Serravalle in pegno di partite di frumento fornite al Comune; Oberto, consigliere, partecipa alla seduta del 6 maggio 1278 in cui il comune di T. conferisce la cittadinanza alla comunità di Viguzzolo. Il Manno li definisce: Antichi nobili di Tortona, estinti. Ad Alessandria, tra il 1218 ed il 1231, Giovanni, Oberto, Gugliemo, Folco, Lanfranco, tutti P., occuparono seggi alla Credenza ed al Consiglio generale; i P. sono compresi nell'elenco del 9 gennaio 1417 delle famig


Compra un documento araldico su Paveglio

Stemma della famiglia: Paveglio

Blasone della famiglia

D'azzurro alla testa di leone al naturale.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook